Coronavirus in Liguria: mascherine obbligatorie in centro a Genova e restrizioni prolungate a La Spezia

Giovedì 24 Settembre 2020
Coronavirus in Liguria: mascherine obbligatorie in centro a Genova e restrizioni prolungate a La Spezia

Giovanni Toti, presidente della Liguria, ha firmato una nuova ordinanza che include misure restrittive per fronteggiare l'emergenza coronavirus nella regione. Tra queste, la più importante è l'obbligo di mascherina, anche all'aperto, per tutto l'arco della giornata nel centro storico di Genova.

Leggi anche > Riapertura stadi per un terzo, il viceministro Sileri: «All'Olimpico possibili 20-25mila spettatori»

La decisione del presidente della Liguria è giunta dopo l'individuazione di un focolaio nel centro del capoluogo. L'ordinanza per Genova è stata firmata di concerto col sindaco Marco Bucci. L'area comprende il porto antico, la stazione Principe, piazza Matteotti e via Ravasco. L'ordinanza sarà firmata in serata. Dal provvedimento saranno esclusi i runner. Previste sanzioni fino alla chiusura dei locali del centro storico che non rispettano l'obbligo di mascherina tra i propri clienti. «Il cluster del centro storico continua ad alimentare il ricovero di pazienti negli ospedali soprattutto verso il Galliera», commenta Toti. Il sindaco Bucci ha invece dichiarato: «Vogliamo stroncare il potenziale cluster sul nascere».

Nell'ordinanza regionale c'è anche la proroga delle restrizioni già introdotte per La Spezia, che resteranno in vigore fino a domenica prossima compresa. Tra le varie misure c'è anche la chiusura delle scuole. Inoltre, Giovanni Toti ha dato l'ok per l'apertura degli stadi fino ad un massimo di mille spettatori, in via sperimentale e sempre rispettando il distanziamento. 
 

Ultimo aggiornamento: 15:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA