Coprifuoco, da oggi spostato a mezzanotte nella zona gialla. Vaccini, record di dosi nel weekend

Lunedì 7 Giugno 2021 di Domenico Zurlo

Slitta a mezzanotte, da oggi, il coprifuoco nelle regioni ancora in zona gialla: nel Paese che riparte e che vede ormai una regione su tre in bianco, i dati sui contagi e i ricoveri in forte calo e le vaccinazioni che procedono spedite spingono l'Italia sempre più fuori dalla pandemia di Covid-19. Dopo Friuli, Molise e Sardegna anche Abruzzo, Umbria, Liguria e Veneto entrano oggi in zona bianca: lunedì prossimo dovrebbe toccare a Lazio, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Puglia e Trento, mentre per le altre ci sarà da aspettare una settimana in più.

 

Coprifuoco a mezzanotte, lo chef di Iorio: «Da stasera gli italiani torneranno ai tavoli, sono stati mesi terribili»

 


Incoraggiante soprattutto il dato sulle vaccinazioni, che nel weekend sono state quasi 1,2 milioni in due giorni (607mila ieri, un record), con un boom di somministrazioni tra giovani e giovanissimi: il risultato dell'apertura delle prenotazioni agli under 40 e dei vari open day' organizzati dalle singole regioni.


Intanto dall'Istituto superiore di sanità arrivano buone notizie sulla durata degli anticorpi dei vaccini: in un nuovo rapporto, l'Iss fa sapere che la protezione contro il Covid è «protratta nel tempo». Nei vaccinati il rischio di morte scende del 95%, mentre la riduzione del rischio di ammalarsi ammonta all'80% e quella di finire in rianimazione del 90%. E gli effetti benefici sono gli stessi per tutti, sia uomini che donne, e per qualunque fascia di età.


Non tutto però procede liscio: nel Regno Unito continua a preoccupare la variante Delta (ex variante indiana), che sta causando un nuovo aumento dei casi nel Paese britannico. Più trasmissibile del 40%, non sembra però più aggressiva, con i contagi che sono risaliti oltre i 5-6mila al giorno ma con un numero dei ricoveri fermo al palo. La preoccupazione coinvolge però anche i vaccini: secondo uno studio pubblicato su Lancet, gli anticorpi del farmaco Pfizer-BioNTech sarebbero fino a cinque volte meno efficaci contro la variante Delta. A conferma che la strada verso la vittoria contro il virus è ancora tutt'altro che breve.

 


riproduzione riservata ®

Ultimo aggiornamento: 8 Giugno, 16:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA