Zona bianca, anche la Puglia da lunedì. Ecco cosa cambia

Zona bianca Lombardia, Lazio, Emilia, Piemonte, Puglia e Trento da lunedì. Ecco cosa cambia
Zona bianca Lombardia, Lazio, Emilia, Piemonte, Puglia e Trento da lunedì. Ecco cosa cambia
4 Minuti di Lettura
Giovedì 10 Giugno 2021, 08:26 - Ultimo aggiornamento: 14 Giugno, 10:08

C'è anche la Puglia tra le sei regioni (le altre sono Lazio, Lombardia, Emilia-Romagna, Piemonte e provincia autonoma di Trento) che da lunedì passeranno in zona bianca. Sì perché, a partire dal 14 giugno, le 6 regioni entreranno nella fascia più bassa di rischio raggiungendo Sardegna, Molise, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Abruzzo, Umbria e Liguria. Come di consueto però, per farlo davvero, dovranno prima confermare per la terza settimana consecutiva il trend dei contagi in calo. In particolare bisognerà che domani, quando si riunirà la cabina di regia del ministero della Salute per valutare i dati del monitoraggio settimanale elaborati dall'Istituto superiore di sanità, le 6 regioni abbiano mantenuto un'incidenza inferiore ai 50 casi ogni 100mila abitanti.

Il monitoraggio della Fondazione Gimbe: contagi in calo dal 6 aprile

Gli indicatori però sono buoni. Proprio oggi infatti la Fondazione Gimbe ha fotografato il calo continuativo dei contagi in Puglia a partite dal picco del 6 aprile. Nella settimana dal 2 all'8 giugno in Puglia tutti i parametri esaminati sono in miglioramento, anche il numero persone attualmente positive ogni 100mila abitanti è sceso a 438, anche se resta sopra la media nazionale (305 positivi ogni 100mila residenti) ed è il sesto valore più alto in Italia.

Solo il 5% dei posti letto nelle intensive

Nelle terapie intensive solo il 5% dei posti letto è occupato da pazienti Covid (media italiana pari all'8%), mentre negli altri reparti il tasso di occupazione è del 10% (media italiana 8%). In forte riduzione, però, anche il numero di tamponi effettuati: la media giornaliera dal 12 maggio all'8 giugno è di 64 persone testate, contro una media italiana di 150. Per quanto riguarda la campagna vaccinale, la percentuale di popolazione con ciclo completo è pari al 23,7% a cui aggiungere un ulteriore 23,4% solo con prima dose; mentre la percentuale di over 80 con ciclo completo è pari al 85,9% a cui aggiungere un ulteriore 9,7% solo con prima dose. 

LE REGOLE

La Puglia ad esempio, diversamente dagli altri 5 territori che la accompagneranno in zona bianca, ha già smesso di fare i conti con il coprifuoco. Ma il limite orario agli spostamenti non è la sola regola e il passaggio in bianco non può essere considerato in automatico un liberi tutti. Tant'è che accanto alle regole di comportamento che restano comunque in vigore (mascherina obbligatoria anche all'aperto e distanziamento) ci sono tutta una serie di indicazioni da seguire.

Ad esempio, per i ristoranti, se è vero che non ci sono più limiti all'esterno (quindi ok alle tavolate), per le sale interne invece resta l'obbligo di non far sedere allo stesso tavolo più di 6 persone (unica deroga nel caso si tratti di due nuclei familiari). Non solo, in bianco riaprono anche sale gioco, centri sociali e culturali, attività che in zona gialla possono ripartire il 15 giugno o il 1° luglio. Allo stesso modo (per quanto ripartano ovunque dalla metà del mese) sono consentiti i banchetti per i matrimoni, ma solo se tutti gli invitati presentano la certificazione verde (green pass) che attesta di essere vaccinato, di essere guarito dal Covid o di aver fatto un tampone nelle 48 ore precedenti all’evento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA