Crede che la fidanzata incinta sia morta, 31enne si toglie la vita per il dolore ma in realtà era riuscito a salvarla

Sabato 24 Aprile 2021

Crede che la fidanzata sia morta e si uccide, ma in realtà le salva la vita. Bradley Crellin, 31 anni, ha trovato Becci McDonald, di 28 anni, in casa che aveva tentato il suicidio. L'uomo ha subito chiamato un'ambulanza ma credendo che la donna che amava non sarebbe sopravvissuta si è tolto la vita per non viverla senza di lei.

 

Leggi anche> Professoressa 31enne adesca uno studente minorenne in un videogioco online e poi abusa di lui

 

Becci, che aveva avuto un bambino con il suo compagno da 7 mesi, soffriva di una forte forma di depressione post partum. La donna, in attesa di un secondo figlio, aveva tentato di togliersi la vita. Stesa sul letto dell'ospedale, mentre stava per riprendersi, ha visto Bradley andare via. L'uomo ha temuto che la compagna non superasse la crisi e si è tolto la vita: «L'ultima cosa che ha visto sono stata io: ero priva di sensi, su un letto di un ospedale. Non si rendeva conto che stavo per riprendermi», ha invece spiegato Becci alla stampa locale. 

 

Becci ha incontrato Bradley in strada dove l'uomo viveva come clochard. Per 7 anni ha vissuto in strada dopo una vita molto traumatica, ma alla fine i due si sono innamorati e hanno costruito una famiglia insieme anche alla figlia della donna avuta da una precedente relazione. Bradley era ben noto all'interno del Whitechapel Center, il centro di Liverpool che si occupa dei senzatetto, che gli ha reso omaggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA