Matria, quando la lingua narra l’origine dei popoli

Martedì 10 Maggio 2022 di Claudia PRESICCE

Insita in una lingua c’è una mentalità da esprimere, la forma del pensare e quindi la forma di una cultura. Cioè ricchezza. E perdere una lingua significa chiudere il sipario su una porzione di storia della civiltà che ha attraversato un territorio in un tempo lungo, lungo fino a noi. E quindi in parte vive ancora, è “dentro” i suoi abitanti. Se “matria” è una parola che definisce il concetto di un luogo che accoglie, fisico quanto...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
© RIPRODUZIONE RISERVATA