Incontra il padrone in carcere, guarisce il cane malato di malinconia

Dopo l'arresto del padrone, avvenuto quindici mesi fa, si era ammalato di malinconia. E per il dolore aveva smesso anche di mangiare, come se volesse lasciarsi morire. La scorsa settimana, però, il suo amico ha ottenuto il permesso di farlo entrare in carcere. Così Barone, Terranova di quasi tre anni, ha varcato la soglia del penitenziario di Taranto e ha potuto incontrare il suo padrone, un detenuto tarantino di 43 anni che lo aveva adottato quando era solo un cucciolo di 40 giorni. Per un'ora Barone e il suo padrone hanno potuto giocare come una volta nel cortile della casa circondariale. Con il cane che ha fatto le feste al suo amico e lui che lo ha potuto accarezzare.
La "visita" speciale ha rinfrancato il Terranova che è stato curato a lungo dalla famiglia del detenuto per farlo riprendere. A raccontare la storia lo stesso tarantino in una lettera con la quale ha inteso ringraziare la direttrice del carcere per la possibilità che gli ha concesso. "Sono l'uomo più felice del mondo" - ha sottolineato nella lettera inviata a "Quotidiano".

Leggi l'articolo completo su Quotidianodipuglia.it
Outbrain