Vincenza Angrisano, uccisa dal marito a coltellate ad Andria. «Finita in ospedale per le botte pochi giorni prima di morire»/Telefonini sequestrati

1 di 5
Vincenza Angrisano, uccisa dal marito a coltellate: «Finita in ospedale per le botte pochi giorni prima di morire»
Sul brutale femminicidio di Andria continuano ad...

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
99,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA FLASH
ANNUALE
49,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
4,99€
1€ AL MESE
Per 3 mesi
SCEGLI ORA
 
ANNUALE
49,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
2 ANNI
99,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito quotidianodipuglia.it

1 Anno a 9,99€ 69,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

Sul brutale femminicidio di Andria continuano ad emergere dettagli. Secondo quanto verificato dagli inquirenti, i rapporti tra Luigi Leonetti, 51 anni e la moglie Vincenza Angrisano, 42 anni, uccisa a coltellate davanti ai figli, si sarebbero incrinati da circa un mese. Ma non solo: appena pochi giorni prima di morire, Vincenza era stata ricoverata in un ospedale della provincia di Barletta-Andria-Trani per le percosse ricebute, per poi essere dimessa con una prognosi di 4 giorni. Era il 23 novembre: neanche una settimana dopo veniva massacrata dalle coltellate davanti agli occhi dei propri figli.

1 di 5
Lecce-Inter 0-1, diretta: bella prova dei giallorossi ma per ora decide il solito Lautaro
Il calciatore del Bari spinge il raccattapalle, la rabbia social. «Chiedo scusa, solo una piccola spinta»
Malore in classe durante la lezione: morto professore salentino
L'auto si ribalta, feriti due ragazzi estratti dalle lamiere
Applausi e il rombo dei motori per l'ultimo saluto a Mattia. "...Adesso fai rumore lassù"