Eurovision 2022, l'accusa della Romania: «Modificati i voti per far vincere l'Ucraina»

Sospetti sulla regolarità del voto che ha consacrato la Kalush Orchestra. Dalla Romania attaccano: "Il nostro era a favore alla Moldavia"

Eurovision 2022, l'accusa della Romania: «Modificati i voti per far vincere l'Ucraina»
Eurovision 2022, l'accusa della Romania: «Modificati i voti per far vincere l'Ucraina»
4 Minuti di Lettura
Lunedì 16 Maggio 2022, 18:32

All'Eurovision Song Contest vince la Kalush Orchestra. La band ucraina ha sbaragliato la concorrenza, ma c'è chi adesso getta ombre sul loro trionfo. Il voto della giuria rumena espresso a favore della Moldavia, infatti, sarebbe stato sostituito da quello all’Ucraina, risultato poi ufficiale, nella serata finale dell’Eurovision che ha consacrato la Kalush Orchestra vincitrice. 

Leggi anche > Eurovision, un successo per gli ucraini Kalush: «Ora si torna a combattere». E la Rai fa festa: 6,6 milioni di spettatori

Lo denuncia la televisione pubblica rumena TVR in un comunicato nel quale viene espresso un certo disappunto: «Siamo stati spiacevolmente sorpresi nel vedere che il voto non è stato preso in considerazione nella classifica finale, poiché gli organizzatori hanno assegnato un'altra serie di punteggi ai concorrenti finali. Specifichiamo che la giuria rumena aveva deciso di assegnare il massimo dei voti ai rappresentanti della Moldova».

 

LA DIRETTA

La Romania è risultata così essere uno dei sei Paesi, assieme agli altri confinanti con l’Ucraina (Polonia, Ungheria Moldavia) e alla Lituania, ad avere assegnato il massimo del punteggio, 12, agli artisti che rappresentavano lo Stato in guerra, ma così non avrebbero voluto. 

Già durante la diretta televisiva, in molti si erano accorti di un’anomalia che ora la tv rumena sottolinea: i presentatori di alcuni Paesi, tra cui quelli di Bucarest, non hanno comunicato direttamente il voto espresso, a differenza degli altri. Il punteggio è stato invece rivelato dal capo di Eurovision, Martin Osterdhal

Eda Marcus, presentatrice di TVR, ha postato su Instagram la registrazione con il momento «Bucarest is calling» e la sua sorpresa quando alla televisione rumena è stata negata dall'EBU (European Broadcasting Union) la trasmissione in diretta e l'annuncio del punteggio della giuria per Eurovision 2022.

«Questa è una registrazione in tempo reale dopo che ci è stato negato l'ingresso alla trasmissione principale dell'Eurovision per motivi tecnici - dice Eda Marcus nel video diventato virale -. È la prova che quei motivi tecnici non esistevano, erano solo un pretesto. Siamo semplicemente 'saltati', come se non esistessimo».

I VOTI DEI PAESI AL CONFINE UCRAINO

Un’analisi dettagliata delle preferenze da parte dei giurati dei singoli Paesi fa emergere un dato significativo che dimostra quanto la geopolitica possa aver contato nelle scelte di chi vince la rassegna canora. Le nazioni che hanno dato il massimo del punteggio, cioè 12 punti, all’Ucraina sono state cinque: Polonia, Ungheria, Romania, Moldavia e Lituania. 

IL MOTIVO DEL VOTO

Le prime quattro sono Stati confinanti che hanno almeno due buoni motivi per solidarizzare con Kiev: il timore dell’allargamento del conflitto e un’empatia forse ancor più spiccata che quella del resto dell’Europa per avere toccato con mano le sofferenze dei profughi da loro accolti con generosità ma anche ovvie difficoltà. Quanto alla Lituania, è uno degli Stati che ha dato segni più concreti sulla sua scelta di campo nel conflitto. Ha espulso l’ambasciatore russo ed è stato il primo in Europa a fermare le importazioni di gas da Mosca.

Le giurie dell’Eurovision sono selezionate dall’emittente che rappresenta ogni Paese e sono chiamate a giudicare «le capacità vocali del cantante, la performance sul palco, la composizione e l’originalità della canzone». La caratteristica comune è che i membri devono essere «professionisti dell’industria musicale».

I DUBBI   

In queste ore l’Ebu, l’organizzazione che dà vita alla kermesse, ha fatto sapere che, nella consueta analisi che segue la raccolta dei voti espressi da parte delle giurie, sono state riscontrate alcune irregolarità per sei Paesi. Tra questi figurano anche la Polonia e la Romania. La televisione romena TVR ha affermato che in origine i 12 punti erano stati attribuiti alla Moldavia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA