Roma, la rivolta degli Ncc: fumogeni e traffico paralizzato in piazza dell'Esquilino

Mercoledì 19 Dicembre 2018 di Alessia Marani
Ncc a piazza dell'Esquilino

Il presidio degli Ncc a Roma prosegue. Dalle 15 circa quattrocento autisti sono radunati in piazza dell'Esquilino, hanno parcheggiato le berline sui lati del piazzale rallentando il traffico. Espongono striscioni e cartelli, hanno esploso qualche petardo e lanciato dei fumogeni. Sono in attesa che una loro rappresentanza intorno alle 18 possa essere ricevuta, a Milano, dal vicepremier Matteo Salvini dopodiché, a seconda di come andrà l'incontro, potrebbero spostarsi, come ieri, sotto il Senato. A Palazzo Madama, intanto, già si sarebbe avvicinato un gruppo di tassisti. La manifestazione è seguita da vicino dalle forze dell'ordine. Difficoltà al traffico nell'area tra San Giovanni, Termini e via Cavour. Gli Ncc protestano contro la riforma del settore che, dopo dieci anni di rinvii, dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio. Le associazioni chiedono ulteriori proroghe. Ieri, al Ministero dei Trasporti, sono stati ricevuti anche i tassisti, oggi in assemblea a Fiumicino, i quali invece caldeggiano il cambio di rotta, pronti a scendere in piazza anche loro di fronte a nuovi rinvii o passi indietro del Governo. 

A Milano in previsione dell'arrivo di un gruppo di Ncc per la manifestazione di protesta, è stata chiusa dalle forze dell'ordine via Caradosso, strada di fronte a Palazzo delle Stelline dove oggi il ministro dell'Interno Matteo Salvini incontra giornalisti e simpatizzanti della Lega per un brindisi. Oltre alle proteste con momenti di tensione andate in scena ieri a Roma per chiedere di non far entrare in vigore la norma che costringerebbe il Noleggio con conducente a rientrare in autorimessa dopo ogni servizio, gli Ncc già ieri a Milano hanno organizzato un presidio davanti al Comune in piazza Scala.

 

Ultimo aggiornamento: 18:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA