Reddito di cittadinanza, truffe per 82 milioni: 8850 denunciati

Reddito di cittadinanza, truffe per 82 milioni: 8850 denunciati
2 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Giugno 2022, 06:00 - Ultimo aggiornamento: 07:43

Professione: ricettore di reddito di cittadinanza senza averne diritto. In Lombardia sono un piccolo esercito: solo quelli beccati e denunciati dalla guardia di finanza in poco più di un anno di attività - dal gennaio 2021 allo scorso maggio - sono stati 8850. Secondo i conti delle Fiamme gialle, il conto della frode ai danni delle casse dello Stato è di 82 milioni di euro. È uno dei dati più eclatanti nel report presentato ieri alla cerimonia nella caserma Cinque giornate per il 248° anniversario della fondazione della guardia di finanza. «Questa frode sul reddito di cittadinanza è molto grave e preoccupante - è il commento del governatore Fontana - il sostegno a chi è in difficoltà e non ha un lavoro è necessario, ma va rivisto e proposto in forme differenti».

LE TRUFFE. Le truffe sul reddito di cittadinanza sono solo una parte di quelle scoperte dai reparti lombardi delle Fiamme gialle ai danni dello Stato o dell’Unione europea: sono state pari a più di 591 milioni di euro, con un aumento di sei volte nel 2021 rispetto al 2020). Le persone denunciate sono state 9816, i sequestri hanno un valore di più di 164 milioni di euro.

REATI FISCALI. Tra gennaio 2021 e maggio 2022, le Fiamme gialle hanno scoperto 1907 reati fiscali, denunciato 2987 persone e fatto 99 arresti. I patrimoni sequestrati nei confronti di grandi evasori ammontano a circa 260 milioni di euro, mentre le proposte di sequestro avanzate alle Procure della Repubblica ammontano a oltre 1,8 miliardi di euro, con un aumento del doppio nel 2021 sul 2020. Sono 740 gli evasori totali individuati e 422 i datori di lavoro che hanno impiegato 3201 lavoratori in nero o irregolari.

APPALTI. Sono state denunciate 264 persone per reati in materia di appalti, corruzione e altri delitti contro la Pubblica amministrazione. Sono 57 le persone finite con le manette ai polsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA