Fase 2, decreto Aprile: reddito d'emergenza da 800 euro

Sabato 2 Maggio 2020

Nella fase 2 reddito di emergenza e la cassa integrazione sarà prorogata per 18 settimane, fino al 31 ottobre, secondo la bozza del decreto legge Aprile in fase di approvazione dal governo. Nel testo prevista la misura del reddito d'emergenza da 800 euro per le famiglie in difficoltà, che potranno contare sul sostegno almeno per tre mesi, mentre sono previsti altri 15 giorni di congedi speciali e il bonus baby sitter sale fino 1 .200 euro.

Fase 2, il nuovo modulo di autocertificazione: scarica qui il pdf

 

 

Da maggio viene istituito il Reddito di emergenza "quale misura di sostegno al reddito per i nuclei familiari" per l'emergenza Covid-10, dice ancora la bozza. Le domande possono essere presentate entro il termine del mese di luglio 2020 e l'importo è "fino a un massimo non superiore a 800 euro mensili". Il contributo viene "erogato per tre mensilità a decorrere dal mese in cui è stata presentata la domanda".


Viene riconosciuto alle famiglie con residenza in Italia, un valore del reddito inferiore a una soglia pari all'ammontare del beneficio, un valore del patrimonio mobiliare inferiore a 10mila euro (+5mila euro per ogni componente successivo al primo e comunque entro i 20mila euro), un valore dell'Isee inferiore ai 15mila euro.

A decorrere da maggio è istituito il Reddito di emergenza, di seguito denominato «Rem», quale misura di sostegno al reddito per i nuclei familiari in conseguenza dell'emergenza epidemiologica da Covid-19. «ll Rem è determinato in un ammontare pari a 400 euro mensili fino ad un massimo comunque non superiore a 800 euro mensili». È quanto si prevede nella bozza del decreto aprile che il governo varerà nei prossimi giorni per la Fase 2. Il Rem è erogato per tre mensilità a decorrere dal mese in cui è stata presentata la domanda che va presentata entro il termine del mese di luglio 2020. «Il Rem è riconosciuto ai nuclei familiari in possesso cumulativamente, - si legge nella bozza - al momento della domanda e nelle mensilità in cui il beneficio viene erogato, salvo diversa specificazione, dei seguenti requisiti: a) residenza in Italia, verificata con riferimento al componente richiedente il beneficio; b) un valore del reddito familiare, nel mese precedente la richiesta del beneficio e in ciascuna mensilità che precede le erogazioni successive, inferiore ad una soglia pari all'ammontare del beneficio» previsto per il Rem (da 400 a 800 euro). 

REQUISITI PER CHIEDERLO
 I requisiti di accesso al Reddito di cittadinanza vengono ampliati in relazione alla situazione di crisi economica e sociale determinata dall'emergenza epidemiologica. È quanto si legge nella bozza del dl aprile che il governo si accinge a varare per la fase due del Covid-19.
Dunque, in relazione alle domande presentate dal 1° luglio 2020 sino al 30 ottobre 2020, i requisiti di accesso sono così modificati: La soglia del valore dell'indicatore della situazione economica equivalente (Isee) è incrementata da 9.360 euro a 10.000 euro;
1) la soglia del valore del patrimonio immobiliare di cui al numero
2), è incrementata da 30.000 euro a euro 50.000;
3) la soglia del valore del patrimonio mobiliare è incrementata da 6.000 euro a 8.000 euro oltre agli incrementi ivi previsti.

Ultimo aggiornamento: 14:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA