Coronavirus, Massimo Galli: «Ora basta con la tv, la situazione non mi lascia più tempo»

Venerdì 30 Ottobre 2020
Coronavirus, Massimo Galli: «Ora basta con la tv, la situazione non mi lascia più tempo»

A Milano la situazione è sempre più critica a causa del coronavirus e Massimo Galli fa sapere di non avere più tempo per le ospitate televisive. «Dovrò declinare gli inviti a partecipare a trasmissioni televisive per almeno una settimana, da lunedì 2 novembre in poi», ha scritto il primario del reparto malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, in un tweet. Intanto, nella regione Lombardia, ancora una volta profondamente colpita dal Covid-19, si continua a discutere di un'eventuale chiusura generalizzata.

 

Leggi anche > Scenario 4, covid boom in 5 regioni: Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Campania e Bolzano ad alto rischio lockdown

 

«La situazione non mi lascia più margini di tempo e ho una quantità di cose urgenti di cui dovermi occupare", aggiunge nella giornata caratterizzata da oltre 31mila nuovi contagi e 199 morti», continua il tweet del professore.

 

 

 

 

In Italia i nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore sono 31.084, con il nuovo record di 215.085 tamponi. Sono 199 invece i decessi (ieri erano stati 217). Già ieri erano stati sfiorati i 27mila nuovi positivi nelle ultime 24 ore, con oltre 7.300 casi in Lombardia e tremila in Campania e due regioni oltre i duemila casi (Veneto e Piemonte). 

 

«Oggi non ci sono buone notizie, ieri 26.831 casi oggi abbiamo superato 31mila abbondamente», ha detto Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, al monitoraggio settimanale Iss-Ministero. Con 4.285 dimessi/guariti in più nelle ultime 24 ore, gli attualmente positivi salgono ancora a quota 325.786 (26.595 in più rispetto a ieri, quando l'aumento era stato di 22.734 unità).

© RIPRODUZIONE RISERVATA