Ucraina, anziana offre una torta avvelenata: morti otto soldati russi. L'aneddoto choc

Sembra che l'episodio sia stato riportato da un funzionario del ministero dell'Interno ucraino

Un'episodio ripreso da un'intercettazione, riporta che un'anziana ucraina ha avvelenato otto soldati russi
Un'episodio ripreso da un'intercettazione, riporta che un'anziana ucraina ha avvelenato otto soldati russi
3 Minuti di Lettura
Sabato 19 Marzo 2022, 18:14 - Ultimo aggiornamento: 20 Marzo, 20:36

Solo pochi giorni fa aveva fatto il giro del web il video di una anziana donna ucraina che offriva aiuto ad un soldato russo, dandogli da mangiare e consentendogli di telefonare a casa. Ora, un caso molto diverso: un'anziana donna ucraina avrebbe infatti offerto torte avvelenate con lo zinco ad un gruppo di soldati russi, uccidendone otto.

Sottomarino nucleare russo nel Mediterraneo: lo "Squalo" di Putin alza la tensione con la Nato

L'episodio choc è stato riportato da un funzionario del ministero dell'Interno ucraino, che ha reso pubblica un'intercettazione telefonica tra un militare russo e la sua compagna in cui quest'ultimo avrebbe raccontato tutto. Si susseguono diversi aneddoti simili, a conferma che l'esercito russo non è in una situazione semplice per quanto riguarda i rifornimenti: data la propaganda reciproca, non è però chiaro quanto ci sia di vero.

La figlia (influencer) di Peskov, portavoce di Putin: «Sanzioni ingiuste, ora non posso più viaggiare»

I soldati saccheggiano case e supermercati

L'esercito russo, sostiene l'agenzia di stampa Unian, è in una situazione miserabile e i soldati non hanno niente da mangiare. A pubblicare la storia è stato il consigliere del capo del Ministero degli affari interni Anton Gerashchenko. Gli occupanti stanno saccheggiando case e supermercati, in cerca di cibo che non si riesce a reperire. Così la donna, ha colto l'occasione per colpire.

Non è il primo caso di questo tipo da quando è cominciata la guerra. Ai russi sono stati dati anche cibi avariati e acqua contaminata. Sul versante opposto ci sono invece i civili che rifiutano gli aiuti umanitari dei russi, perché non si fidano di quello che potrebbero dargli. A Kherson, nonostante il blocco agli aiuti umanitari, i residenti hanno rifiutato il cibo offerto dai russi e depositato al centro della città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA