Coronavirus, «la variante sudafricana resiste anche al vaccino Pfizer»

Domenica 11 Aprile 2021
Coronavirus, la variante sudafricana resiste anche al vaccino Pfizer

Coronavirus, brutte notizie per quanto riguarda la variante sudafricana: secondo uno studio condotto in Israele, la mutazione avrebbe permesso al virus di resistere anche ad uno dei vaccini più efficaci finora disponibili, quello di Pfizer-BioNTech.

 

Leggi anche > Covid, Locatelli: «Riaperture meditate o si torna indietro»

 

Lo studio, condotto su quasi 400 persone risultate positive al virus, è da prendere con le molle: non è ancora stato sottoposto a revisione ed il campione utilizzato non è sufficientemente ampio, anche a causa della scarsa diffusione della variante sudafricana in Israele. Come spiega il Telegraph, lo studio ha messo a confronto i 400 pazienti risultati positivi nelle due settimane successive alla prima o alla seconda dose di vaccino, con lo stesso numero di pazienti positivi che però non erano stati vaccinati.

 

Lo studio, realizzato dall'università di Tel Aviv, ha anche tenuto conto dell'età e del sesso dei pazienti. La variante B.1351, quella sudafricana, è stata rilevata nell'1% dei pazienti monitorati nello studio. C'è però un dato che, se confermato, avrebbe del clamoroso: tra i pazienti vaccinati, il tasso di prevalenza della variante è risultato essere otto volte più alto rispetto ai non vaccinati (5,4% contro lo 0,7%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA