Coronavirus, il dubbio del New York Times: «Riusciranno gli italiani a rispettare le regole?»

Lunedì 9 Marzo 2020 di Alessia Strinati
«Riusciranno gli italiani a seguire le regole?». Questo è il quesito che si pongono i giornalisti del New York Times riguardo la questione delicata che si trova ad affrontare il nostro paese. I provvedimenti presi dal governo sono restrittivi, duri da seguire, ma indispensabili per la salute di tutti, ma oltreoceano dubitano che gli abitanti del Belpaese riusciranno a rispettarli. (come dargli torto).

Leggi anche > Coronavirus, in Italia 366 vittime: borse a picco, Milano perde il 10,8%. Conte: «La nostra ora più buia, ma ce la faremo»

Prima ancora che i provvedimenti diventassero ufficiali decine e decine di persone sono fuggite dalle zone rosse per tornare nei loro paesi di origine, nei giorni passati altri hanno violato le restrizioni per andare in vacanza. Mentre tutti gli esperti chiedono di restare in casa si diffondono video di gente che non rinuncia a cene e aperitivi dichiarando a gran voce che non faranno un passo indietro. Come condannare il dubbio degli americani?

Il Nyt aggiunge: «Molti, fra cui Conte, hanno fatto appello agli italiani affinché respingessero la loro tendenza alla ‘furbizia’, la parola italiana per il tipo di astuzia o intelligenza utilizzata per arginare burocrazia e leggi scomode». Il giornale riporta le recenti, gravi, violazioni dei decreti e si domanda come sarà la situazione nei prossimi giorni. Il giornale americano riprende l'analisi fatta da  Luigi Barzini nel '64, quando spiegava che gli italiani avevano imparato a disobbedire alle regole dopo anni di dominazioni straniere nel corso della storia. La furbizia italica consiste in quello, nel fuggire alle oppressive regole imposte ed è quello che sta accadendo anche oggi, secondo la stampa statunitense.

Un ennesimo colpo all'Italia. Una brutta figura internazionale che si somma all'emergenza sanitaria e alla diffusione del contagio. © RIPRODUZIONE RISERVATA