Batteri carnivori lo pungono in spiaggia, uomo muore per sepsi dopo agonia di 48 ore

Domenica 14 Luglio 2019 di Ernesto De Franceschi
Papà muore dopo una puntura di batteri carnivori in spiaggia

Un papà è stato mangiato vivo da parassiti mortali durante una giornata in spiaggia in Florida e dopo 48 ore è mortoDave Bennett, di Memphis negli Stati Uniti, ha iniziato a mostrare i sintomi della puntura dei batteri carnivori che si sono trasformati in sepsi e in poche ore lo hanno portato alla morte. Una storia tragica riportata negli Usa dal New York Post.

Tumori, la Cina sviluppa la nuova immunoterapia: «Così le cellule malate vengono uccise»



Dave Bennett stava visitando con la figlia Cheryl la spiaggia di Destin, in Florida, ed è entrato in acqua. Ma 12 ore dopo essere stato sulla battigia, Dave, colpito dal cancro in passato, si svegliato a casa con la febbre, i brividi e alcuni crampi. La sua salute ha cominciato a deteriorarsi rapidamente ed è stato portato in ospedale dove i medici hanno scoperto un "punto nero terribilmente gonfio sulla schiena".
È stato dichiarato morto in poche ore e in seguito i risultati di laboratorio hanno confermato di aver contattato la fascite necrotizzante - nota anche come batteri carnivori. 

 

 

La figlia Cheryl, distrutta dal dolore, ha ora voluto ricordare le strazianti 48 ore che hanno cambiato la sua vita per sempre e ha giurato: "Non voglio che questo accada a nessun altro" scrivendo su Facebook. "Non c'è abbastanza educazione sui batteri nell'acqua. Devono esserci cartelli segnaletici in ogni spiaggia, in ogni città e parco statale per segnalare che a causa di batteri presenti nell'acqua persone con ferite aperte o sistemi immunitari compromessi non dovrebbero entrare".
 

Settimane prima della tragica morte del padre, Cheryl aveva visto sui social la storia di Kylei Parker . La dodicenne ha quasi perso la gamba quando la sua pelle è diventata nera e ha iniziato a marcire, sempre dopo aver passato una giornata in quella spiaggia.

"Siamo arrivati ​​all'ospedale di Memphis verso le 20 - racconta la figlia -, i medici hanno visto questo punto nero terribilmente gonfio sulla schiena che prima non c'era. Mia madre mi ha mandato una foto e mi è sembrato come se qualcuno mi avesse preso a pugni. Ho chiamato e chiesto se fosse effettivamente nero (perché a volte il colore è spento in una foto) e lei ha detto che era nero".


Gli infermieri sotto choc hanno affermato di "non avevano mai visto niente del genere". Nelle prime ore del mattino si era trasformato in infezione e Dave è stato trasferito nell'unità di terapia intensiva. Dopo poche ore è morto.

 

Ultimo aggiornamento: 15 Luglio, 11:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA