Borse, mercati asiatici anora in caduta, avvio in rialzo per Piazza Affari

Borse, mercati asiatici in caduta
Avvio in rialzo per Piazza Affari
Mps cerca il riscatto.
Monte dei Paschi cerca il riscatto in Borsa con il titolo che è già stato congelato per eccesso di rialzo, segnando un +4% teorico. Adesso le azioni sono tornate agli scambi e salgono del 9%.

Tentativo di riscatto in avvio anche per le borse europee dopo la giornata da incubo di ieri e nonostante la seduta pesante delle borse asiatiche, nel giorno in cui si riunisce la Bce e si attendono le dichiarazioni di Mario Draghi. La migliore è Milano con il Ftse Mib che recupera l'1,7% a 18.290 punti, mentre il Ftse All Share sale dell'1,72% a 19.897. Più cauti i rialzi di Parigi (+1%), Francoforte (+0,78%) e Londra (+0,51%). A Milano in rialzo Mediaset che sale del 4,34%, corre il Banco Popolare (per cui la Consob ha vietato le vendite allo scoperto) che balza del 5%. Non fa prezzo in avvio Saipem che segna un teorico -8,36% nel giorno del cda sul prezzo dell'aumento di capitale. Mps, dopo essere entrata in asta di volatilità, segna ora +10,4% a 0,563 euro. Sempre segno meno per il Brent consegna marzo che cede lo 0,25% a 27,81 dollari al barile mentre il Wti segna un -0,53% a 28,2 dollari al barile. Sul fronte dei cambi, l'euro passa di mano a 1,0945 dollari (ieri 1,0914 dollari) e 127,48 (126,9 yen), mentre il dollaro-yen si attesta a 116,94 (116,41). Chi


Ennesima seduta in rosso per le Borse asiatiche in scia ai timori legati allo stato di salute dell'economia in Cina. Anche oggi quindi hanno prevalso le vendite sui listini del 'Far east', da Tokyo (-2,43%) a Shanghai (-3,22%) fino ad Hong Kong (-1,39%). In particolare, mentre il listino nipponico è entrato da un giorno in un cosiddetto mercato 'orso', alla Borsa di Hong Kong l'indice principale è caduto per la prima volta dal 1998 sotto il valore del proprio patrimonio netto ('net asset'), segno questo che il denaro sta man mano uscendo dalla piazza finanziaria nota a tutti come una delle economie più aperte al mondo. «Sui mercati la situazione è al momento così instabile e c'è molta preoccupazione», ha commentato un analista di Tokyo a Bloomberg. «Queste vendite non sono legate a ragioni reali, si vende per panico e molte sono vendite allo scoperto».
Giovedì 21 Gennaio 2016 - Ultimo aggiornamento: 09:36