Roma, poliziotto massacrato
voleva fermare una rissa

Poliziotto massacrato a Capodanno
voleva fermare una rissa
ROMA - Gli zigomi rotti, la mascella fratturata in pi¨ punti, il naso irriconoscibile, un’orbita oculare sfondata. Un ispettore di polizia che si era fermato per strada per sedare una rissa non scorderÓ mai il Capodanno del 2013. ├ł accaduto verso le due del mattino di ieri a Marino, quando Antonio De Vincentis, rientrando a casa con la moglie dopo il cenone, ha visto quattro scalmanati che si menavano furiosamente davanti a un ristorante vicino alla ┬źFontana dei Quattro Mori┬╗, uno dei simboli della localit├á dei Castelli. ├ł sceso dalla macchina. Ha detto chi era. Ha cercato di fermarli. Ma ├Ę stato investito da una scarica di pugni che lo hanno fatto finire in coma in ospedale.



Tre uomini sono stati portati ieri sera negli uffici della Squadra Mobile, nella sede della Questura a Roma, e sono stati sentiti a lungo sull’aggressione. Tra loro ci sarebbe anche un pregiudicato legato al clan zingaro dei Casamonica. Le indagini, iniziate dal commissariato di Marino, diretto da Walter Di Forti, sono andate avanti per tutta la giornata con l’intervento della Polizia Scientifica. I quattro, stando ai testimoni (ce ne sono altri due oltre alla moglie del poliziotto) hanno picchiato a mani nude. Quindi ├Ę presumibile che qualcuno porti i segni del pestaggio sulle nocche delle dita. ├ł stato fatto anche un prelievo di Dna.



CIRCONDATI

De Vincentis, 51 anni, di Marino, in servizio al commissariato Viminale, ├Ę stato prima soccorso all’ospedale ad Albano e poi trasferito d’urgenza al San Camillo dopo essere stato intubato. I medici lo hanno messo in coma farmacologico in attesa di operarlo. L’ambulanza che lo portava a Roma - coincidenza che dice molto sul clima di certe notti - ├Ę stata assalita lungo il percorso da un gruppo di marocchini a loro volta ubriachi. L’automezzo era vicino a viale Trastevere. Uno degli immigrati si sentiva male. ┬źGli amici ci hanno circondato - ha raccontato il conducente del veicolo - Volevano a tutti i costi che prendessimo a bordo un secondo paziente. Gli abbiamo detto che avremmo chiamato il 118. Niente da fare: quelli hanno sfondato un vetro e il ferito si ├Ę pure beccato le schegge addosso. Per fortuna siamo riusciti a ripartire┬╗.



L’aggressione al poliziotto ├Ę avvenuta all’esterno del ristorante ┬źIl Cappellone┬╗. All’interno del locale il cenone stava finendo. Fuori gli scalmanati se le davano come belve. Non ├Ę escluso, secondo gli investigatori, che oltre all’alcol ci fosse di mezzo la cocaina. De Vincentis, per anni in servizio a Marino, il paese dove tutt’ora vive, rientrava a casa in macchina dopo aver salutato l’anno nuovo a casa di amici. Ha fatto vedere il distintivo e non ├Ę difficile immaginare cosa abbia detto. ┬źSono un poliziotto: fatela finita┬╗. Parole che potevano costargli la vita.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoled├Č 2 Gennaio 2013, 08:40 - Ultimo aggiornamento: 08:50
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti