Serie A 2022/23, il sorteggio del calendario: boom di big match alla terza e quinta giornata. Juve-Milan 20 anni dopo Manchester

Una stagione anomala, che inizierà molto presto e finirà più tardi del solito: nel mezzo, 52 giorni di stop per i Mondiali in Qatar. Cambiano anche alcune regole

Serie A 2022-23, dalle 12 il sorteggio del calendario in diretta. Tutte le regole e le novità
Serie A 2022-23, dalle 12 il sorteggio del calendario in diretta. Tutte le regole e le novità
di Redazione web
4 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Giugno 2022, 10:51 - Ultimo aggiornamento: 25 Giugno, 16:27

Serie A 2022-23, alle 12 il sorteggio del calendario. Una stagione mai così anomala, per via del lungo stop imposto dai Mondiali in Qatar del prossimo inverno. Ecco tutto quello che c'è da sapere sul calendario della prossima Serie A.

Leggi anche > Maria Sole Ferrieri, ecco chi è la prima arbitro donna in serie A

 

Calendario Serie A, la diretta del sorteggio

Ore 12.40: completato il calendario, c'è una piccola curiosità. Il 28 maggio 2023, alla penultima giornata, si disputerà Juventus-Milan, esattamente 20 anni dopo la finale di Champions League in cui furono i rossoneri a prevalere, ai calci di rigore, all'Old Trafford di Manchester.

Ore 12.22: ricchissima di big match anche la quinta giornata. Nello stesso turno, Fiorentina-Juventus, Lazio-Napoli e Milan-Inter.

Ore 12.20: subito boom di big match alla terza giornata. Nello stesso turno Juventus-Roma, Lazio-Inter e Fiorentina-Napoli.

Ore 12.13: il computer inizia ad elaborare il nuovo calendario della Lega Serie A 2022-23.

Ore 12.10: Luigi De Siervo presenta Orbita, il nuovo pallone della Serie A 2022-23, prodotto da Puma. L'ad della Lega Serie A ha anche ringraziato Nike, fornitore dei palloni ufficiali del massimo campionato italiano nella scorsa stagione. 

Ore 12.00: A presentare il sorteggio del calendario della Serie A 2022-23 è Pierluigi Pardo. In studio, insieme a lui, tanti campioni del passato: Vincent Candela, Gianluca Zambrotta, Massimo Ambrosini e Giampaolo Pazzini. Presenti anche Lorenzo Casini, presidente della Lega Calcio, e Luigi De Siervo, amministratore delegato della Lega Serie A.

Calendario Serie A, dove vedere il sorteggio

Si parte alle 12 e il sorteggio sarà trasmesso in diretta tv e streaming da Dazn, ma anche in diretta sul canale YouTube della Lega Serie A. 

Calendario Serie A, le date

La Serie A 2022-23 inizierà ufficialmente il weekend del 13-14 agosto 2022 e si concluderà nel weekend del 3-4 giugno 2023. I turni infrasettimanali saranno quattro (31 agosto 2022, 9 novembre 2022, 4 gennaio 2023 e 3 maggio 2023). 
Le soste per le nazionali saranno due, in concomitanza con gare amichevoli e Nations League: dal 19 al 27 settembre 2022 e dal 20 al 28 marzo 2023. Oltre alla lunga pausa per i Mondiali in Qatar: 52 giorni, dal 13 novembre 2022 fino alla ripresa con il turno infrasettimanale del 3-4 gennaio 2023.

Calendario Serie A, tutte le regole

Anche quest'anno, come nella scorsa stagione, il calendario della Serie A sarà asimmetrico: questo significa che due stesse squadre non si affronteranno alla stessa giornata nel girone di andata e in quello di ritorno. Ad ogni modo, il calendario sarà sorteggiato con il criterio di almeno otto partite di distanza tra la gara di andata e di ritorno di due stesse squadre.
Per alcune coppie di squadra è prevista alternanza assoluta di partite in casa e in trasferta. Si tratta di: Inter e Milan; Lazio e Roma; Juventus e Torino; Empoli e Fiorentina; Napoli e Salernitana.
Nei turni infrasettimanali non possono essere programmate partite tra Milan, Inter, Napoli, Juventus, Lazio, Roma e Fiorentina. Nelle giornate di campionato comprese tra due turni di coppe europee, chi partecipa alla Champions League (Milan, Inter, Napoli, Juve) non incontrerà chi partecipa all'Europa League (Lazio e Roma) e alla Conference League (Fiorentina).

Serie A 2022-23, la novità dello spareggio

Dalla prossima stagione, se due squadre arriveranno in prima posizione e a pari punti, si disputerà uno spareggio in gara unica per l'assegnazione dello scudetto. Non verranno quindi più presi in considerazione criteri come gli scontri diretti o la differenza reti. Stesso discorso per le squadre che lottano per non retrocedere.
Se invece dovessero arrivare più di due squadre al primo posto e a pari punti, il titolo verrebbe assegnato in base alla classifica avulsa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA