Lite tra Conte e Agnelli, la ricostruzione dell'Inter: «Chiamato cogl***e e pagliaccio per tutto il primo tempo»

Mercoledì 10 Febbraio 2021
Lite tra Conte e Agnelli, la ricostruzione dell'Inter: «Chiamato cogl***e e pagliaccio per tutto il primo tempo»

Ha fatto discutere la lite di ieri tra Antonio Conte e Andrea Agnelli, in occasione della semifinale di ritorno di Coppa Italia tra Inter e Juventus all'Allianz Stadium. Fonti nerazzurre hanno raccontato con dovizia di particolari all'agenzia ANSA la dinamica del litigio, in contrasto con la versione trapelata ieri da ambienti juventini: secondo questi ultimi Conte avrebbe «pronunciato alla fine del primo tempo una frase irrispettosa oltre a mostrare il dito medio».

 

«Conte - secondo la ricostruzione delle fonti interiste - è stato pesantemente insultato ('coglione, pagliaccio') nel corso di tutto il primo tempo, conclusosi con il dito medio catturato dalle immagini televisive». «Gli insulti rivolti a Conte provenivano dalla tribuna occupata dai bianconeri, dove era il presidente Andrea Agnelli: a Conte è stato dato ripetutamente del coglione e del pagliaccio».

 

Al rientro negli spogliatoi secondo la ricostruzione all'ANSA delle fonti nerazzurre, dallo show Agnelli-Conte si sarebbe quindi passati a quello Paratici-Oriali, con il dirigente nerazzurro che apostrofando Leonardo Bonucci e il gruppo Juve con un «non permettetevi di parlare con i nostri in questo modo» si sarebbe sentito replicare: «Ti conviene stare lontano altrimenti questa volta ti picchio. Parli ancora dopo che hai già preso 20 giornate di squalifica?...».

 

Al termine del secondo tempo «mentre Conte raggiunge gli spogliatoi - raccontano i nerazzurri - Agnelli scende le scale della tribuna per andare in campo, urlando 'stai zitto coglione', ovvero usando proprio la parola ripetuta in tutto il primo tempo dalla tribuna nei confronti del tecnico. Poi, coprendosi la bocca, Agnelli avrebbe nuovamente ripetuto l'epiteto contro il tecnico, con Conte a rispondergli: 'Dimmelo in faccia, dimmelo in faccia'...».

© RIPRODUZIONE RISERVATA