Raganello, il geologo: «C'era allerta gialla, bisognava impedire accesso turisti»

Raganello, il geologo: «C'era allerta gialla, bisognava impedire accesso turisti»
Una tragedia evitabile quella del torrente del Raganello, dove 10 persone hanno perso la vita. Si poteva evitare il dramma «facendo monitoraggio e informazione» e tenendo presente che «quello non è un sito per scampagnate ma una zona che presenta notoriamente diversi pericoli». Così all'AdnKronos il presidente dell'Ordine dei Geologi della Calabria Alfonso Aliperta che esclude, dal punto di vista idrogeologico, l'evento eccezionale.

LEGGI ANCHE Calabria, escursionisti travolti dalla piena del Raganello: 10 morti, tre dispersi. Grave una bimba

«Quella che impropriamente viene chiamata 'bomba d'acquà, e che noi tecnicamente chiamiamo flash flood, è un fenomeno frequente in Calabria e nelle regioni meridionali - spiega - non è altro che un acquazzone tardo estivo che riversa grandi quantità di acqua in aree molto localizzate, ma è un fenomeno che in estate ci aspettiamo e, quando succede, i tempi di corrivazione (cioè il tempo che impiega una particella d'acqua ad arrivare da monte a valle) sono molto rapidi. Se a questo si aggiunge la sorta di 'imbutò in corrispondenza del ponte del diavolo, la situazione degenera le conseguenze che purtroppo conosciamo». 

 


«In questi giorni - ricorda il geologo - c'era allerta gialla, la giornata insomma non era indicata per questo tipo di escursioni ma c'erano comunque persone nelle gole del Raganello che sono valli profonde con tratti molto stretti e fianchi di roccia calcarea». Per il presidente dei geologi calabresi, per evitare la tragedia «sarebbe bastato avere un sistema di monitoraggio a monte che funzionasse da 'semaforo rossò per i turisti, impedendo loro di accedere». Sistema di monitoraggio che, però, è assente in un'area «che negli anni è diventata un'attrazione turistica perché è meravigliosa, ma che è anche una zona piena di pericoli». «Il problema è che quello non è un sito facile, non è un'area per dilettanti, andare in questi posti non è come andare all'acquapark. E una zona di questo tipo non può essere lasciata alla fruizione senza controllo di chi pensa di andare a fare una scampagnata», conclude il geologo.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Martedì 21 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 12:19
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti