Angela Garofalo (Agricoltori Cia): «Se la peste suina passa dai cinghiali ai maiali sarà un vero dramma per tutti»

Mercoledì 18 Maggio 2022 di Lorena Loiacono
angela garofalo_cia_

Angela Garofalo, responsabile zootecnia del Cia-Agricoltori italiani: cosa temete maggiormente della peste suina? 
«Il virus è letale e contagioso, se entra in un allevamento di suini si propaga velocemente: andrebbero soppressi tutti gli animali e si bloccherebbe l’export italiano». 


Che significa? 
«Prosciutto, salami e insaccati vari non verrebbero più venduti. Se il virus dovesse arrivare verso Pomezia e Rieti, dove ci sono allevamenti professionali e salumifici, sarebbe un enorme problema». 


Anche con le zone rosse? 
«Nelle aree chiuse si bloccano il ciclismo, la raccolta di funghi e di tartufi come accaduto in Piemonte. Ci rimetterà anche il turismo». 


Come intervenire?
«A Roma si stimano oltre 20mila cinghiali selvatico-urbanizzati. Chiediamo si attui una forte azione di contenimento».

 

Leggi anche > Angela Garofalo (Agricoltori Cia): «Se la peste suina passa dai cinghiali ai maiali sarà un vero dramma per tutti»

Ultimo aggiornamento: 07:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA