Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bulli a scuola, ragazzina di 13 anni picchiata dal branco: le hanno rotto il setto nasale

Bulli a scuola, ragazzina di 13 anni picchiata dal branco: le hanno rotto il setto nasale
Bulli a scuola, ragazzina di 13 anni picchiata dal branco: le hanno rotto il setto nasale
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 13 Aprile 2022, 14:59 - Ultimo aggiornamento: 15:07

Grave episodio di bullismo in una scuola media di Anzio. Vittima una ragazzina di 13 anni che durante la lezione di ginnastica nella palestra della scuola media «Falcone» è stata aggredita a calci e pugni da tre ragazze ed un ragazzo, suoi compagni di classe.

Arriva il prof di educazione fisica nelle scuole elementari: si inizierà dalla quinta

La ragazzina è stata circondata dal 'branco' e colpita anche con pugni al volto. Gli aggressori sono poi fuggiti e ad accorgersi di quanto successo è stata l'insegnante, che non era presente al momento dell'aggressione. La madre, informata su quanto era accaduto, si è rivolta ai carabinieri. La 13enne è stata trasferita al pronto soccorso dell'ospedale di Anzio dove le è stata riscontrata la frattura del setto nasale e alcune ecchimosi. L'episodio, a quanto si apprende, sarebbe solo l'ultimo di una serie di vessazioni subite dalla ragazzina fin dall'inizio dell'anno scolastico. 

Gli insulti a sfondo razziale

L'indagine dei carabinieri sull'episodio di bullismo avvenuto in una scuola media di Anzio punta anche a verificare l'eventuale responsabilità dell'istituto su quanto accaduto. Secondo quanto accertato, infatti, al momento della aggressione del branco la professoressa non era presente nella palestra della scuola. Nella denuncia, inoltre, presentata dai genitori della minorenne si fa riferimento anche a un presunto «movente razzista» nel blitz del branco. Il riferimento è legato all'offesa «Argentina di m...» che gli aggressori hanno urlato alla ragazzina prima di colpirla. La giovane, infatti, per molti anni ha vissuto con la famiglia in Sudamerica e solo di recente è tornata in Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA