Angela Celentano, continuano le ricerche dei genitori: nuove segnalazioni

Dopo 26 anni dalla scomparsa la coppia non demorde e continua a cercare la figlia

Angela Celentano, continuano le ricerche dei genitori: nuove segnalazioni
3 Minuti di Lettura
Giovedì 16 Giugno 2022, 13:15 - Ultimo aggiornamento: 17 Giugno, 14:54

I genitori di Angela Celentano continuano a lanciare appelli per ritrovare la figlia scomparsa 26 anni fa. Catello e Maria non hanno mai perso le speranze, convinti che Angela sia stata rapita per il mercato delle adozioni illegali, vogliono tornare a intensificare le ricerche e lo hanno fatto anche grazie alla trasmissione "Chi l'ha visto".

Leggi anche > Elena Del Pozzo, doppio mistero sulla morte della bambina. Rilievi a casa di Martina Patti

La bambina aveva solo 3 anni quando è scomparsa durante una gita sul monte Faito. Oggi mamma e papà Celentano hanno colto l’occasione anche per ricordare che Angela ha una sorta di voglia di caffè sul lato destro del dorso.

Al loro appello si è unito anche quello delle sorelle, Rosa e Naomi, che nella trasmissione di Rai3 hanno fatto un video appello: «Vogliamo arrivare a quante più persone possibili, ma il nostro augurio è di arrivare ad Angela stessa in modo che possa essere lei a riconoscersi nella sua famiglia di origine. Chiunque abbia informazioni o se tu, Angela, ti riconosci nella nostra storia, non esitare a contattarci. Noi siamo qui, solo un po’ più cresciute e ti stiamo aspettando». Sono anche arrivate le prime segnalazioni, come quella di una ragazza che si chiama Angel che sta cercando la sua famiglia. Sul caso non ci sono ancora certezze, l'unica, purtroppo, è quella che non si tratta della Celentano.

La famiglia Celentano insiste nonostante siano passati tanti anni. La coppia si è rivolta a un’associazione internazionale che si occupa di mandare nei bancomat le immagini delle persone scomparse: da oggi fino a lunedì, ogni 28 secondi, la foto e la storia di Angela appariranno negli sportelli dei bancomat di moltissimi Paesi del mondo, tranne che in Italia. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA