Reach: la bimba nata sul volo militare in fuga dall'Afghanistan, sta bene

Giovedì 26 Agosto 2021
Reach, la bambina nata sul volo militare in fuga dall'Afghanistan

Una bambina è nata sul volo di evacuazione dall'Afghanistan. La bimba è stata chiamata «Reach» proprio come il segnale arrivato a bordo dell'aereo, un'istante dopo la nascita. Reach è nata sabato su un volo di evacuazione militare statunitense in rotta verso la base aerea di Ramstein in Germania.

 

La piccola è stata chiamata Reach come l'identificativo di chiamata dell'aereo. «Abbiamo avuto modo di parlare molto con la mamma e il papà di Reach - ha dichiarato il generale Tod Wolters, comandante del comando europeo degli Stati Uniti e comandante supremo alleato della NATO in Europa, in una connferenza con i giornalisti al Pentagono -. Hanno chiamato la figlia Reach e lo hanno fatto perché il segnale di chiamata del C-17, sul quale stavano viaggiando dal Qatar a Ramstein, era proprio Reach».

 

 

 

 

I genitori erano su un volo da una base di sosta in Qatar, dopo essere fuggiti dall'Afghanistan in seguito all'acquisizione di Kabul da parte dei talebani. L'US Air Mobility Command ha twittato domenica i dettagli della consegna, dicendo che la madre era entrata in travaglio e «ha iniziato ad avere complicazioni prima che il volo atterrasse. Il comandante dell'aereo ha deciso di scendere in quota per aumentare la pressione dell'aria nell'aereo, il che ha contribuito a stabilizzare e salvare la vita della madre», ha affermato un tweet dall'account ufficiale dell'US Air Mobility Command, osservando che il personale medico dell'86° gruppo medico dell'aeronautica militare è salito a bordo per far nascere la piccola una volta atterrato l'aereo. «Al momento dell'atterraggio, gli aviatori dell'86° MDG sono saliti a bordo e hanno fatto nascere la piccola Reach nella stiva dell'aereo».

 

Reach e sua madre sono state trasportate in una struttura medica vicina dove l'Air Mobility Command che ha riferito essere entrambe in buone condizioni. «Come potete ben immaginare, essendo un pilota di caccia dell'aeronautica militare, il mio sogno è vedere quella bambina, chiamata Reach, crescere ed essere cittadina statunitense e pilotare caccia dell'aeronautica americana nella nostra aeronautica», ha scherzato Wolters.

Il capitano Erin Brymer ha spiegato alla CNN come ha aiutato a far nascere il bambino. Parlando alla CNN, l'infermiera che ha fatto nascere Reach ha detto che «si aspettava il peggio, sperando per il meglio. Quando ho valutato la paziente, avevamo superato il punto di non ritorno. Quella bambina sarebbe morta prima che l'avessimo potuta trasferire in un'altra struttura», ha detto il capitano dell'esercito americano Erin Brymer. Alla domanda quando si è resa conto che le cose sarebbero andate bene per la piccola e la madre, Brymer ha detto: «Quando la bimba è uscita urlando! E siamo stati in grado di metterla direttamente sul petto della mamma e farla allattare subito. Ero al settimo cielo!».

Il Pentagono ha annunciato oggi che circa 88.000 sfollati hanno lasciato l'Afghanistan dall'inizio dell'evacuazione, ma altre migliaia di persone stanno ancora cercando di uscire dal Paese prima che il previsto ritiro delle truppe venga completato la prossima settimana. 

Ultimo aggiornamento: 15:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA