Rubati i dati di milioni di vaccinati: l'attacco hacker al sito del Ministero

Rubati i dati di milioni di vaccinati: l'attacco hacker al sito del Ministero
Rubati i dati di milioni di vaccinati: l'attacco hacker al sito del Ministero
2 Minuti di Lettura
Venerdì 10 Dicembre 2021, 13:19 - Ultimo aggiornamento: 13 Dicembre, 17:50

I dati di milioni di vaccinati contro il Covid sono stati rubati dopo un attacco informatico al sito ufficiale del Ministero della Salute. Accade in Brasile, dove il portale è rimasto inaccessibile nelle prime ore di questa mattina dopo essere stato bersaglio di un attacco informatico, con i presunti autori che hanno annunciato di essere in possesso di dati provenienti da persone vaccinate contro il coronavirus.

Leggi anche > Omicron, parla il paziente zero: «Tornerò a viaggiare, il vaccino è la mia arma»

Gli hacker, che si sono identificati come Lapsus$Group, hanno scritto che 50 terabite di «dati interni sono stati copiati ed esclusi». L'attacco cibernetico ha riguardato anche il sito del Servizio sanitario nazionale e il portale Covid, preposti al rilascio dei certificati di vaccinazione. «Contattateci se volete che i vostri dati siano restituiti», hanno scritto i pirati informatici.

Leggi anche > «Covid, a rischio anche chi sta bene. Abbiamo visto atleti con un tubo in gola»

Secondo esperti consultati dal gruppo editoriale Globo, gli hacker avrebbero effettuato un tipo di attacco noto come ransomware, che solitamente condiziona la restituzione dei dati al pagamento di un riscatto in criptovalute. Secondo le prime informazioni, invece, l'applicazione del Servizio sanitario scaricata sui cellulari delle persone vaccinate non sarebbe stata colpita. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA