Alec Baldwin, l'ultima foto sul set di Halyna Hutchins prima di morire. «Il suo sangue era sulle mie mani» IL POST

Serge Svetnoy, l'autore della foto: «Ero di fianco a lei durante la sparatoria fatale. Il suo sangue era sulle mie mani»

Diffusa l'ultima foto di Halyna Hutchins prima del tragico incidente sul set Rust
Diffusa l'ultima foto di Halyna Hutchins prima del tragico incidente sul set Rust
di Maria Bruno
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Ottobre 2021, 20:16 - Ultimo aggiornamento: 23:42

L'ultimo scatto fotografico, l'ultimo ricordo prima della tragedia. Nella cornice di una chiesetta western, Alec Baldwin in versione pistolero e, attorno a lui, qualche membro della troupe. È questa l'ultima istantanea che include la direttrice della fotografia Halyna Hutchins, uccisa accidentalmente da alcuni colpi di pistola sul set di "Rust", qualche giorno fa. A diffondere la foto su Facebook è stato il tecnico delle luci Serge Svetnoy, che ha inconsapevolmente immortalato l'amica e collega per l'ultima volta.

Leggi anche > L'assistente regia era già stato licenziato (da un altro film) per un incidente con le armi

Leggi anche - Alec Baldwin, il padre di Halyna lo scagiona: «Non è lui il responsabile, le colpe sono di altri»

Nell'immagine si vede Alec Baldwin in abiti di scena e alcuni membri della troupe dentro una chiesetta in New Mexico. Tra gli addetti ai lavori, c'è Halyna di fronte all'attore, girata di spalle e con un berretto in testa. Non è chiaro se la foto sia stata scattata appena prima dell'incidente o nelle ore precedenti. 

«Ero di fianco a lei durante la sparatoria fatale, l'ho presa tra le mie braccia quando era a terra. Il suo sangue era sulle mie mani»: sono le commoventi parole di Serge Svetnoy, l'autore della foto, che ha pubblicato un post su Facebook per rendere omaggio ad Halyna a cui era molto legato. 

«Ho lavorato con lei (Halyna) - scrive - in quasi tutti i suoi film. Abbiamo condiviso cibo e acqua, ci siamo bruciati sotto il sole e gelati nella neve durante le riprese. Ci prendevamo cura l'uno dell'altra e posso dire con certezza che era mia amica». E sulla tragedia dice: «È colpa della negligenza e della non professionalità. La negligenza della persona che avrebbe dovuto controllare l'arma, della persona che avrebbe dovuto dire che l'arma era carica e di quella che avrebbe dovuto verificare l'arma prima di portarla sul set. Il risultato è stato la morte di un essere umano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA