Salento, un incendio incenerisce 200 ulivi ormai secchi: il panorama lungo le provinciali sembra un cimitero

Un rogo di ulivi ha trasformato in un deserto un vasto angolo di paesaggio che si estende tra due provinciali, la Copertino-Monteroni e la Copertino-San Pietro in Lama, nel Salento. Sono quasi 200 gli alberi di ulivo, tutti già sfigurati dalla xylella, carbonizzati nell’incendio che si è sviluppato ieri mattina. Con tutta probabilità si è trattato di un rogo di origine dolosa.

 

L'intervento

 

I vigili del fuoco sono intervenuti intorno alle 11 di ieri per porre un argine alle fiamme. Nel primo pomeriggio, però, il rogo ha ripreso fiato e il nuovo intervento dei caschi rossi è riuscito soltanto a mettere in sicurezza le carreggiate delle due provinciali che stringono a tenaglia quello che era un vastissimo uliveto. Gli alberi hanno continuato a bruciare per tutta la notte come fiaccole. Una distesa di torce. Il rogo ha restituito nella mattinata di oggi uno scenario spettrale: un cimitero di scheletri di ulivi fumanti.

Leggi l'articolo completo
su Quotidiano Di Puglia
M5s, è pressing su Emiliano: «A noi un assessorato di peso»
Una donna a Palazzo Chigi: Giorgia Meloni. Così la destra ha sorpassato la sinistra
«Giorgia Meloni? Non è femminista e non farà nulla per il gap di genere», parola di Elena Gentile
Adriana Poli Bortone: «Meloni? Premiato il merito. Spero questo sia un governo politico»
Si torna a sparare a Torre Veneri: la Regione Puglia concede il via libera