I porti della Magna Grecia uniti in un Distretto turistico: c’è la firma del protocollo

I porti della Magna Grecia uniti in un Distretto turistico: c’è la firma del protocollo
 L’obiettivo è certamente ambizioso e il progetto interessante. Si tratta di mettere insieme i porti della Magna Grecia per creare tra gli stessi un fil rouge in chiave di sviluppo turistico, alla luce dei numerosi punti di contatto, storici e culturati tra i diversi approdi individuati.
Parte così ufficialmente la fase operativa del “Distretto Nautico della Magna Grecia”, un network interregionale che collega i porti turistici e le imprese dell’entroterra dell’arco jonico e i Comuni di pertinenza.
L’iniziativa ha come fulcro, inevitabilmente, Taranto dove è stata concepita e dove questa sera verrà firmato il Protocollo tra le diverse realtà coinvolte. Il progetto di filiera è stato elaborato dalla Histar Srl e proposto dal Consorzio Mari di Taranto, la cui sede è presso il Molo Sant’Eligio, ponendosi l’ambizioso obiettivo di riproporre in chiave moderna il “Sistema Colonie” della Magna Grecia.
All’epoca questo aveva già sviluppato le caratteristiche di un sistema di filiera dello Jonio, ovvero un distretto in grado di controllare il binomio terra/mare-mare/terra nel quale far viaggiare le merci e promuovere la cultura della Madre Patria.
Oggi alle ore 18,30 presso il Molo Sant’Eligio, si terrà il convegno “Il Distretto della Magna Grecia, quale possibilità di rilancio dell’economia del Turismo nel Golfo di Taranto, importanza del protocollo di Intesa e dell’Accordo di programma quadro”. E al termine dei lavori i sindaci dei Comuni che hanno aderito al “Distretto Nautico della Magna Grecia”, per ora Taranto, Gallipoli, Pulsano, Lizzano, Torricella, Maruggio e Cassano all’Ionio, sottoscriveranno il protocollo di intesa definitivo e la bozza di Accordo di Programma, per l’avvio della fase operativa come previsto dalle vigenti Leggi operanti in materia. 
Moderati dal giornalista Francesco Giorgino, redattore capo Rai 1, i lavori saranno introdotti dal cavalier Antonio Nunzio Melpignano, presidente del Consorzio Mari di Taranto, e dall’architetto Terenzio Lo Martire, coadiutore tecnico del progetto e coordinatore del documento strategico.
 
Interverranno l’onorevole Stefania Covello, delegata nazionale Pd per il Mezzogiorno, l’onorevole Ludovico Vico, Mino Carriero, responsabile rapporti con la UE del Consorzio, Gerardo Mario Oliviero, Governatore della Calabria, Michele Emiliano, Governatore della Puglia, Marcello Pittella, Governatore della Basilicata, Sergio Prete, presidente dell’Autorità di sistema portuale di Taranto, Antonio Decaro, presidente nazionale Anci e sindaco di Bari, Giovanni Papasso, sindaco di Cassano all’Jonio, Giovanni Azzaro, consigliere nazionale Anci, Giuseppe Carulli, consulente economico Ministero Affari Generali, Carlo Capria, Dipartimento per la Programmazione e Coordinamento della Politica Economica della Presidenza Consiglio dei Ministri.
L’idea del Distretto Nautico della Magna Grecia è stata studiata dal management della Histar, società tarantina che si occupa, con il supporto tecnico urbanistico dell’architetto Terenzio Lo Martire, anche di gestione e pianificazione di porti turistici, con una particolare attenzione allo sviluppo dell’immagine sostenibile di aree turistiche, anche attraverso la realizzazione di eventi in grado di promuovere il turismo con lo scopo finale di attrarre capitali privati nazionali, internazionali e porre in essere politiche di sviluppo collegate alla finanziabilità pubblica.
Non solo nautica: fine ultimo del “Distretto Nautico della Magna Grecia”, infatti, è lo sviluppo economico dei territori su cui insistono i porti turistici, nonché quello dei loro entroterra, con una particolare attenzione al comparto turistico e a quello enogastronomico che sono tradizionalmente legati alla nautica diportistica. Quattro sono, infatti, i punti salienti dell’attività del Distretto: Nautica, Agroalimentare, Alberghiero e Servizi.
A tal fine il “Distretto Nautico della Magna Grecia” organizza eventi fieristici comprendenti sia manifestazioni culturali di elevato livello, sia momenti dedicati alle eccellenze dell’enogastronomia e dell’artigianato dei territori della Magna Grecia.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Domenica 17 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 18:59