Pesce spada mignon per la tavola, scattano i sigilli

Una parte del carico sotto sequestro
Stavano trasportando un quintale di pesce spada destinato ad arricchire le tavole in vista delle imminenti festività. Gli esemplari, però, erano tutti di piccola taglia, in violazione delle norma in  vigore. E per questo è scattano il sequestro. Sotto chiave 21 esemplari di pesce spada. Per un totale di oltre cento chili. Mentre per i responsabili è scattata una maxi multa.
Il sequestro è stato eseguito nei giorni scorsi dai  militari della Sezione di Polizia marittima della Capitaneria di porto di Taranto. Una pattuglia ha intercettato un furgone sospetto sul quale sono stati scovati  gli esemplari sotto misura di pesce spada, specie ittica tra l’altro tutelata dai Regolamenti comunitari ed internazionali i quali prevedono il divieto assoluto di pesca di questa specie nel mese di marzo e dal 1 ottobre al 30 novembre per favorire il ripopolamento. I 21 esemplari di pesce spada sottomisura per un peso complessivo di circa un quintale, erano pronti per essere immessi in commercio. Per questo si è passati al sequestro amministrativo e il pesce è stato donato in beneficenza a diverse associazioni di volontariato per l’assistenza sociale presenti sul territorio. Per il conducente del mezzo e per la ditta proprietaria è scattato un verbale di 24.000 euro

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Martedì 29 Novembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 16:29