Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il “Mastrolindo” dei restauratori sbianca la colonna antica ricoperta di smog: ecco come funziona

Video
EMBED

Ancora un mese di cantiere tra interventi di pulitura e operazioni di consolidamento. Trenta giorni e poi, salvo sorprese, sarà liberata. Conto alla rovescia per la fine dei lavori di restauro alla colonna di piazza Sant'Oronzo, a Lecce. A tre anni dalle prime impalcature, gli interventi per riportare in salute uno dei simboli storici del capoluogo si avviano alle battute finali e i leccesi potranno riappropriarsi di uno dei suoi simboli più conosciuti: vi mostriamo come stanno lavorando i restauratori.

«Colonna libera per il periodo pasquale»: questo è il traguardo che si sono dati la ditta del restauro e il Comune che vorrebbe al più presto liberare il monumento - eretto in segno di gratitudine a Sant'Oronzo a cui la città attribuì l'immunità dalla peste diffusasi nel Seicento - dalle gabbie di ferro. «I lavori procedono bene e siamo nei tempi previsti afferma l'assessore ai Lavori pubblici, Marco Nuzzaci - e la città potrà riavere presto un altro prezzo pregiato del patrimonio artistico del territorio. Salvo imprevisti, puntiamo entro il mese di aprile a liberare dalle impalcature la colonna restaurata».