Far west in Centrale, agenti minacciati da una donna col coltello e poi aggrediti da un ragazzo con lo skateboard

Martedì 14 Giugno 2022
Video

Prima una donna bulgara ha minacciato gli agenti con un coltello, poi un giovane magrebino durante il fermo ha lanciato uno skateboard contro i poliziotti del reparto Mobile di Padova. Per entrambi sono scattate le manette. L’episodio è avvenuto oggi pomeriggio, 14 giugno, davanti alla stazione Centrale di Milano. Gli agenti che presidiano l’area dello scalo ferroviario, guidati da funzionari del commissariato Garibaldi-Venezia sono intervenuti dopo la segnalazione di una donna in escandescenze e armata di coltello. I poliziotti si sono avvicinati e hanno cercato di convincerla a gettare l’arma poi hanno chiesto l’intervento degli agenti del Reparto mobile di Padova, in servizio alla Centrale, che l’hanno circondata con scudi e manganelli e sono riusciti a metterla a terra e disarmarla. I video dei passanti con i telefonini Nelle fasi concitate, riprese da diversi passanti con i telefonini, il giovane magrebino, uno degli skater di piazza Duca d’Aosta, ha scagliato la tavola contro un poliziotto ed è stato a sua volta fermato a terra e immobilizzato dagli agenti. «È veramente sconcertante ciò a cui assistiamo in mezzo alle strade. Sempre di più, sempre peggio, sempre più inspiegabile e grave — denuncia Valter Mazzetti, segretario generale del sindacato Fsp Polizia di Stato —. Sarebbe ora di tornare a lavorare intensamente per diffondere la cultura della legalità e per chiarire le idee, soprattutto alle nuove generazioni, su chi sono i nemici e chi gli amici, su ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, su ciò che è ammesso e ciò che non lo è. E soprattutto su cosa significa essere un poliziotto e sul perché svolgiamo questo lavoro. Nonché, ovviamente, è indispensabile stabilire pene più severe per chi aggredisce i poliziotti, per una chiara e non ambigua presa di posizione dello Stato. Perché davvero c’è gente fortemente confusa là fuori, e questo mette in pericolo tutti, noi e gli altri cittadini».

© RIPRODUZIONE RISERVATA