La devastazione della xylella: distrutta la biodiversità nel Salento

Sabato 9 Gennaio 2021
Video

Un cervone enorme (nome scientifico Elaphe quatuorlineata)risvegliato dalla sua latenza invernale dalla benna di una ruspa, impegnata a ripulire le campagne dagli scheletri degli ulivi ammalati di xylella. E' l'immagine plastica della distruzione del paesaggio e della biodiversità causata dal batterio e dall'incuria dell'uomo nel Salento e in Puglia. L'immagine dello splendido serpente è stata condivisa dalla pagina “Pro Ruffano”, comune dove il cervone - che può arrivare fino a 2 metri e mezzo di lunghezza - è stato ritrovato. «È un serpente diurno, terricolo, molto agile in arrampicata, a volte si può trovare sugli alberi, su arbusti o sulla sommità di vecchi muri. Non è molto veloce, ma sa essere un buon nuotatore» spiegano sui social.

Ultimo aggiornamento: 18:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA