Change, il festival del design del futuro e dell’architettura ecosostenibile, riparte con i talk in digitale

Sabato 18 Luglio 2020 di Francesca Spanò

Il problema delle plastiche e l’urgenza di diffondere materiali biodegradabili, la mobilità alternativa e il tema, attualissimo, dell’efficientamento energetico e dell’uso di energie rinnovabili. Sono alcune delle tematiche di interesse comune sulle quali punta Change. Architecture Cities Life, il festival dell’architettura ecosostenibile e del design del futuro. La rassegna di Open City, Maxxi e Ordine degli Architetti di Roma, riparte dai talk in digitale con ospiti di grande eco internazionale legati alla scienza, alla cultura e all’impresa.
 
Change, il futuro è green
 
La kermesse entra nel vivo in questi giorni con una serie di talk trasmessi sui canali social, durante i quali si parlerà di progetti innovativi e amici dell’ambiente. Dopo la parte digitale, inoltre, il festival proseguirà dal 24 settembre al 31 ottobre, a Roma, fuori dagli schermi del pc, per un confronto ancora più completo. Molti i temi trattati, a cominciare dal ritorno alla plastica reso ancora più grave dall’emergenza Covid-19. Oggetto di discussione, inoltre, anche lo spazio, a dimostrazione di quanto la mano dell’uomo possa essere distruttiva. Si calcola, infatti, che le continue esplorazioni degli ultimi anni, abbiano portato a investimenti globali passati da 1,1 miliardi di dollari nel 2000-2005 a 10,2 miliardi di dollari tra il 2012 e il 2018. Nel corso della rassegna nata dall’assegnazione del bando “Festival dell’Architettura” promosso dal MiBACT - Direzione Generale Creatività Contemporanea non si trascurerà nemmeno la questione dell’alternativa alla mobilità retta sulle auto e dell’universo di bici e monopattini. Ecco i prossimi appuntamenti:
 
21 luglio 2020: Vivere a emissioni zero: realtà o utopia?
La dispersione di energia degli edifici causa l’innalzamento delle temperature e inquinamento dell'aria e rappresenta un problema urgente che va risolto subito. Gli ospiti in questo caso saranno studio IT’S e Antonio Disi architetto e ricercatore di ENEA.
 
24 luglio 2020: Greening - Il bosco orizzontale - Perché la natura è un nostro alleato anche in città?
Riforestazione e agricoltura urbana, sono la chiave per il miglioramento delle condizioni ambientali e sociali. Ospiti: Clara Conti CEO di Saib e Annalisa Metta, Architetto, paesaggista, docente Università Roma Tre
 
29 luglio 2020: Facciamoci spazio - La vita su Marte è una forma di rinuncia alla Terra? 
Dal 50° anniversario dello sbarco sulla Luna, all’attuale e prepotente crescita dell’industria spaziale, si riaffaccia non solo nell’immaginario cinematografico la radicale ipotesi di abitare altri pianeti come conseguenza dell’abbandono della Terra. Ospiti: Marco Cattaneo direttore Le Scienze e National Geographic e Valentina Sumini, architetto e ricercatrice presso il MIT.
 
A fine settembre, invece, si tornerà a discutere di Mobilità alternativa, delle grandi aree verdi di Roma, che ne conta 415.000.000 mq distribuite in aree naturali protette e parchi agricoli sul territorio di Roma Capitale tutti da sfruttare e di greening e città, perché il futuro è un problema di tutti e il contributo di ognuno è fondamentale.
 
 
 
  © RIPRODUZIONE RISERVATA