Coronavirus, diffonde informazioni false
il sindaco di Arrone presenta
una denuncia per procurato allarme

Fabio Di Gioia
Fabio Di Gioia
di Sergio Capotosti
2 Minuti di Lettura
Venerdì 6 Marzo 2020, 17:56 - Ultimo aggiornamento: 7 Marzo, 14:29

False notizie sul coronavirus, il sindaco di Arrone presenta una denuncia per procurato allarme. «Stiamo vivendo una fase delicatissima, serve il buon senso da parte di tutti», dice Fabio Di Gioia, sindaco di Arrone. l falso allarme coronavirus ad Arrone è stato diffuso nel primo pomeriggio, tramite un file audio. La voce è circolata di chat in chat e in pochi minuti si è creato il panico. Nell'audio si ascolta la voce di una donna che spiega di essere stata in contatto con un non meglio precisato addetto della Usl, il quale avrebbe confermato la presenza di un caso di coronavirus ad Arrone. Il sindaco di Arrone è stato costretto a farsi mettere nero su bianco dall'Usl la falsità delle informazioni diffuse, per placare la fobia che intanto si era scatenata in paese. Una falsità in piena regola che ora costerà cara, considerando che, inevitabilmente, il sindaco ha deciso di adottare il pugno duro, presentando una denuncia per procurato allarme.

«​Esigo rispetto per la comunità che rappresento - dice il sindaco Fabio Di Gioia - in un momento chiaramente difficile per tutti. Per contrastare la diffusione di informazione false invito tutti a condannare ogni atteggiamento che possa provocare il panico nella popolazione. Tutti si devono attenere alle comunicazione ufficiali che in queste circostanze passano soltanto dagli organi competenti. Stiamo vivendo un momento difficile, serve buon senso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA