Fabrizio Corona da Giletti: «Ho salvato due ragazzi in comunità. Il carcere? Ora sono più cattivo»

Lunedì 25 Febbraio 2019 di Domenico Zurlo
Fabrizio Corona eroe da Giletti: due ragazzi salvati in comunità. «Ma dopo il carcere non riesco ad amare»

A due mesi dalla sua ospitata a Non è l’Arena, Fabrizio Corona torna ancora da Massimo Giletti, ospite nella puntata di domenica: lo ha fatto per mostrare le immagini del suo reportage dal bosco di Rogoredo, Milano, dove si è recato un paio di settimane fa per parlare del problema dello spaccio nella zona. Reportage che aveva registrato anche il piccolo giallo del paparazzo fermato con una pistola rubata, che secondo i carabinieri era un collaboratore dello stesso Corona, versione però smentita dall’ex paparazzo dei vip.

Fan di Fabrizio Corona vestono i figli da paparazzo e Silvia Provvedi

Corona racconta della sua inchiesta nel boschetto milanese: «Questi ragazzi hanno la morte vicino, c’è gente che va lì perché è l’unico posto in tutta Europa dove puoi comprare eroina e cocaina con un euro. Avevano il dolore e la sofferenza». Poi parla del tempo passato in carcere: «Mi ha reso più cattivo, non riesco a volere bene alle persone, divento insofferente: mi succede anche con le donne, non ho più la capacità di dedicarmi agli altri, penso solo a me stesso».

Poi la testimonianza di Laura e Tommaso, due ragazzi attualmente in comunità per disintossicarsi grazie all’intercedere dello stesso Corona, che li ha conosciuti quando lei lanciò una pietra proprio verso la sua auto, sempre a Rogoredo tempo fa. «In Italia mancano gli strumenti per uscire dalla droga - dice Laura - tante persone se ne avessero la possibilità uscirebbero da queste realtà. Ognuno ha la sua storia. I miei genitori sono morti da anni, la mia tossicodipendenza è iniziata quando si è ammalata mia madre, poi sono cambiata totalmente a causa della droga».

«Tommaso fece 18 mesi di comunità, è stato pulito e poi ci è ricaduto per un problema sentimentale», racconta Corona. «Grazie a Fabrizio stiamo meglio - dice lo stesso Tommaso - ci ha preso, ci ha portato qua, stiamo affrontando un discorso per prendere in mano il nostro futuro». «Aiutando voi aiuto anche me stesso», gli risponde Corona. «Cercate aiuto nelle persone fidate, parlate dei vostri problemi», consiglia poi Tommaso ad altri giovani che si trovano nella loro situazione.

Ultimo aggiornamento: 19:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA