Milano Design Week, la serata esclusiva di Iqos: inaugurata l'istallazione We del collettivo Truly Design Crew

L'opera sarà visibile dal 7 al 12 giugno all’Opificio 31

Milano design week iqos
Milano design week iqos
3 Minuti di Lettura
Martedì 7 Giugno 2022, 12:37 - Ultimo aggiornamento: 13 Giugno, 12:55

Si incomincia con un cocktail con infuso al blue tea, si procede con finger food servito su vassoi che assomigliano alle tavolozze colorate di un artista. E non potrebbe essere altrimenti per un evento dove i toni dell’azzurro la fanno da padrone: dal nuovo modello Iqos 3 Duo We Edition, presentato ieri sera in anteprima in occasione della Milano Design Week, alla monumentale installazione firmata dal collettivo artistico Truly Design Crew, tutto è colore – persino il cielo straordinariamente terso – nel cuore del Distretto Tortona, dove è nato il Fuorisalone e dove dal 7 al 12 giugno all’interno dell’Opificio 31 sarà possibile ammirare l’opera «We».

Leggi anche > Luca Barbarossa alla Milanesiana: «La vita è un'esperienza tattile, bisogna esserci»

Entrando nella location open space allestita con luci psichedeliche, angoli ristoro, un photo booth dove regalarsi un’istantanea e un corner per acquistare e personalizzare i prodotti Philip Morris, lo sguardo corre subito in fondo al cortile dove campeggia l’opera costituita da una serie di pannelli sovrapposti. Come spiega il braccialetto che ci hanno dato all’ingresso, dotato di qr code, si tratta di un chiaro esempio di anamorfismo, un artificio artistico grazie al quale le immagini raffigurate si dissolvono quando si cambia il punto di vista: un invito da parte degli autori a immaginare un futuro nuovo con punti di vista inediti.

«Dalla nostra costante ricerca verso nuove forme di linguaggio nasce la sinergia con Iquo e la sua Community» racconta Emiliano Fava, co-fondatore di Truly Design. «Abbiamo voluto rappresentare in un unico elemento gli infiniti punti di vista che appartengono al concetto stesso di comunità. Per farlo, siamo partiti da un cerchio disegnato su un pezzo di carta arrivando a creare un vero e proprio viaggio immersivo: quello che si compie attraversando fisicamente l’opera. Abbiamo voluto raffigurare gli infiniti punti di vista attraverso l’anamorfismo, ossia un disegno composto da diverse superfici che contribuiscono a creare una grande immagine, proprio come un insieme di persone, ognuna con la propria storia da raccontare. I colori utilizzati sono quelli della nuova Iquos 3 Duo We Edition. Come ogni persona in una Community, ogni colore è diverso e riconoscibile, ma connesso con gli altri».

A mano a mano che ci immergiamo nella serata e nel senso più profondo dell’opera che «intende promuovere un dialogo sull’impatto positivo che il progresso può avere sugli individui e sulle comunità» – come spiega Gianluca Iannelli, Head of Marketing & Digital di Philip Morris Italia –, lo spazio si popola di ospiti, influencer, designer e tanti giovani che si accalcano prima al bancone dei drink poi sotto palco, quando fa il suo ingresso Elodie per una mezz’ora di live e puro divertimento. Il caldo, lo struscio, la voglia di ritrovarsi insieme a cantare. A pensarci bene, siamo tutti una grande opera anamorfica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA