Da Miss Marche a country chef, la vita a km0 di Silvia Sbaffi

Da Miss Marche a country chef, la vita a km0 di Silvia Sbaffi
di Edoardo Danieli
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 16 Marzo 2022, 14:25 - Ultimo aggiornamento: 17 Marzo, 09:28

Il nero purtroppo si trova poco, ma di bianchetto, buono lo stesso, ce n’è parecchio».

Silvia Sbaffi, chef di campagna, come si definisce su YouTube, racconta così la sua ultima avventura: cacciatrice di tartufi, un’altra perla del territorio in cui vive, la campagna di Fabriano, nell’Appennino marchigiano. Silvia ha 29 anni, nel 2015 è stata eletta Miss Marche, dopo la triennale di Economia all’Università Politecnica delle Marche, ha completato il ciclo di studi con il diploma magistrale in marketing, alla Sapienza di Roma. «In realtà a Roma sono andata dopo aver vinto il titolo di Miss Marche perché un’agenzia di moda si era interessata a me, ma non era il mio mondo», ricorda. Il suo mondo, non lo nasconde, è in campagna. E nei video che produce c’è sempre un forte richiamo al km zero come stile di vita, da trasmettere al suo pubblico. Spiega: «Il km zero rappresenta proprio la mia vita, viene molto prima del marketing: l’infanzia trascorsa con la famiglia in campagna, i prodotti naturali dell’orto, la vita degli animali». Da qui anche la scelta, nelle ricette che propone, di una cucina sana e tradizionale. Nei video di Silvia, la vita di campagna scorre nella sua stagionalità con il tempo della semina e l’attesa per il raccolto, con le scoperte come guidare la mietitrebbia, alla caccia che può essere ai funghi porcini ma anche al colombaccio. E ora al tartufo. Il piatto preferito che emerge dalla gallery sono le tagliatelle ma assicura che per assaggiare un’autentica ricetta marchigiana bisogna provare il coniglio in porchetta. Il suo, ovviamente, arricchito di cotiche e pancetta. Anche se non si sente influencer, la visibilità che ha ottenuto grazie al valore delle sue produzioni, le è valsa la collaborazione con la Confartigianato di Fabriano per promuovere i prodotti del territorio e la chiamata a Caccia Village, la fiera della caccia di Bastia Umbra, con le sue ricette di selvaggina. Lei, Vergara 2.0, non si ferma, è già nell’orto a vedere come mitigare il freddo di questi giorni e a preparare la prossima ricetta. Presto sarà primavera. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA