Coronavirus, uffici chiusi e strade vuote: Taranto città fantasma

Martedì 10 Marzo 2020 di Tiziana FABBIANO
Il lungomare di Taranto stamattina è deserto
Una città che pian piano aveva rallentato i ritmi. Ma, dopo l'ultimo decreto, anche Taranto sceglie di sfuggire al coronavirus restando a casa. 
Stamattina la città era praticamente deserta. Molti uffici sono stati chiusi. Quelli pubblici, in particolare, dove l'accesso è solo su appuntamento e per casi urgenti.

Chi lavora regolarmente invece sta privilegiando l'uso di mezzi privati ed evitando i luoghi affollati. Di luoghi affollati ce ne sono sempre meno. Anche i bar del centro, che di solito sono pieni di clienti, da stamattina sono praticamente deserti. 



Deserte anche le strade. Il lungomare, dove con le belle giornate passeggiano sopratutto gli anziani, è vuoto. Solo qualche mamma che sporadicamente fa passeggiare i propri bimbi.
Stesso aspetto spettrale nelle piazze. Piazza Garibaldi, via D'Aquino e corso Due Mari sono ormai praticamente vuote. Molte attività hanno scelto di chiudere, nonostante l'apertura sia consentita fino alle 18, per la mancanza di avventori. Il contenimento del coronavirus limitando i contatti sociali sembra aver avuto effetto sui tarantini.  Ultimo aggiornamento: 11 Marzo, 12:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA