Uccise il padre, la sorella e il cognato: condannato a trent'anni

Uccise il padre, la sorella e il cognato: condannato a trent'anni
Trent'anni per l’ex militare dell’Arma che nel pieno di un litigio familiare uccise tre persone a Sava.
È questa la sentenza nel giudizio abbreviato celebrato dal gup dottor Giuseppe Tommasino a carico di Raffaele Pesare. L’accusa pubblica aveva chiesto l'ergastolo per l'uomo che il 18 novembre del 2017, sparò le pistolettate mortali contro il padre Damiano, la sorella Nella e il cognato Salvatore Bisci. Pesare era stato giudicato «perfettamente in grado di connettere» da una perizia psichiatrica effettuata dal professor Oronzo Greco,  incaricato di valutare le condizioni psichiche del militare dell’Arma che in preda ad un raptus uccise i tre componenti della famiglia. All’imputato, difeso dall’avvocato Lorenzo Bullo, non era stata contestata l’aggravante della premeditazione.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Venerdì 19 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento: 15:21