Il dono del fumettista Marvel per la tutela dei delfini a Taranto

Sabato 27 Novembre 2021

Il tarantino Sal Velluto è considerato il primo disegnatore italiano ad essersi affermato presso le majors americane del fumetto, tra le quali anche Marvel e Dc Comics, tanto da diventare una delle “matite” più amate al mondo. Sal ha illustrato serie come Black Panther, Moon Knight, Batman, Justice League ed altre ancora, tra cui Phantom, il papà di tutti i supereroi; è stato anche creatore artistico di videogames come Jet Rider e Twisted Metal. Ma Salvatore Velluto non ha mai smesso di amare la sua Taranto, che ha lasciato nel 1986 per trasferirsi negli Stati Uniti d’America, con cui ha mantenuto negli anni un rapporto viscerale, perché, in fondo, dentro di lui c’è ancora il ragazzino in pantaloncini corti che gioca per strada.

La storia

In occasione di una sua visita in città Sal Velluto ha conosciuto Carmelo Fanizza e la sua Jonian Dolphin Conservation, apprezzandone le attività per lo studio e la tutela dei delfini, il simbolo iconico di Taranto. Carmelo Fanizza gli ha parlato del “Taranto Dolphin Sanctuary”, il centro in cui saranno ospitati ed accuditi i delfini provenienti da svariate situazioni di cattività, cui la Jonian Dolphin Conservation sta lavorando da tempo in collaborazione con l’Amministrazione Melucci, che l’ha inserito nel programma EcoSistema Taranto”, e con il Dolphin Project di Richard O’Barry, premio Oscar per il documentario “The cove”, icona mondiale della tutela dei cetacei in libertà, promotore di un progetto simile realizzato a Bali.
Sal Velluto ha deciso così di fare qualcosa per la sua città e ha disegnato una tavola originale: in questa sua opera Sal rivisita l’iconica immagine, ai tarantini tanto familiare, presentando la figura di Taras, figlio di Poseidone, come un vero e proprio semi-dio dalle fattezze e proporzioni eroiche. Il delfino che cavalca è una Stenella Striata, specie residente nel Golfo di Taranto da tempo immemorabile, la cui immagine dà un tocco di realismo ed autenticità al mito del fondatore della città. Sullo sfondo il tramonto rosso fuoco del nostro cielo, contrapposto al blu profondo del nostro mare, creano una sinergia rosso-blu, che risuona nell’anima di ogni tarantino. Lo stile è quello tipico del mondo dei supereroi, di forte impatto e travolgente.
Nel corso di un incontro tenutosi ieri presso Ketos, la sede della Jonian Dolphin Conservation, alla presenza di tanti appassionati, tra gli altri Rinaldi Melucci, Sal Velluto ha donato questa sua tavola, con i relativi diritti d’autore, alla Jonian Dolphin Conservation che da oltre dieci anni tutela il delfino e tutti gli altri cetacei che nuotano liberi nel mare di Taranto.
È l’associazione di ricerca scientifica tarantina che, con i suoi volontari, è diventata essa stessa il simbolo di una nuova Taranto che vuole vivere in simbiosi con la natura costruendo un futuro sostenibile e green.
Due eccellenze tarantine che si uniscono con un unico intento: con i proventi del merchandising del disegno originale, infatti, sarà finanziato il “Taranto Dolphin Sanctuary”. 

Ultimo aggiornamento: 28 Novembre, 05:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA