Il dolore del paese per l'ultimo abbraccio a Miryam, morta a 27 anni nella vacanza sul Pollino

Un lungo applauso, all'uscita della bara bianca dalla chiesa ha sigillato una tristissima giornata che Torricella difficilmente potrà dimenticare. Decine di palloncini  hanno colorato il cielo sulla Santissima Trinità, nella commozione generale e in un silenzio assordante.
Tantissimi giovani hanno voluto salutare la 27enne Miryam Mezzolla. “Eravamo compagni di classe – dice un ragazzo – lei è sempre stata una tipa tosta, ma anche molto dolce. Sapeva ciò che voleva ed era determinata nel porsi degli obiettivi e cercare di raggiungerli. Purtroppo, la vita è stata ingiusta con lei”.

Torricella si è stretta, come in un grande abbraccio, attorno alla famiglia Mezzolla, quasi a volerla proteggere da una sofferenza tanto profonda quanto inaccettabile. Ieri mattina alle 10, è stata allestita la camera ardente nella chiesa principale del paese, quella più grande ed in grado di accogliere i tanti che hanno voluto salutare la bellissima Miryam.

Nella Santissima Trinità, il feretro della sfortunata giovane è stato circondato, per tutta la giornata, dall'affetto dei suoi familiari, di tantissimi compaesani e di molti amici provenienti da tutta la Puglia. Miryam Mezzolla, non ancora 30enne, aveva già compiuto passi significativi nel mondo dello spettacolo, tanto da essere un nome noto nei locali e nelle piazze del Salento.
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Giovedì 23 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 19:50