Tensione in ospedale, infermiere aggredito dal familiare di un paziente

Tensione in ospedale, infermiere aggredito dal familiare di un paziente
2 Minuti di Lettura
Martedì 15 Ottobre 2019, 18:40 - Ultimo aggiornamento: 18:49
Un infermiere in servizio all'ospedale di Castellaneta (Taranto) l'altra sera è stato aggredito all'esterno della struttura da un cittadino che lo aveva atteso dopo un litigio avvenuto pochi minuti nell'area del pronto soccorso. Il malcapitato ha riportato lesioni guaribili in pochi giorni. L'episodio è stato denunciato ai carabinieri. A quanto si è appreso l'operatore sanitario, durante l'orario di lavoro, aveva pregato i pazienti e le famiglie di non sostare nei corridoi per non intralciare il lavoro dei sanitari, un invito che non era piaciuto a un cittadino di Palagiano che lo ha atteso all'esterno e poi picchiato.

LEGGI ANCHE​Scontro con sei feriti a Brindisi, aggredito un autista del 118
LEGGI ANCHE Il bimbo è in coda al pronto soccorso, il padre aggredisce un infermiere


«Da tempo - commenta il consigliere regionale di Direzione Italia Renato Perrini - abbiamo sollevato il problema della sicurezza con il Governo Emiliano, le aggressioni nei Pronto Soccorso sono un fenomeno diffuso non solo in Puglia, ma nel Tarantino sta diventando una vera e propria emergenza vista la scarsa presenza di presidi medici di questa natura, per cui gli stessi vengono presi d'assalto e l'attesa spesso diventa davvero insopportabile. Certo, nulla può giustificare la violenza e gli operatori dell'emergenza-urgenza dovrebbero avere maggiore tutela economico-fisica, ma - conclude Perrini - migliorare gli 'ambientì, così come è stato fatto al Policlinico di Bari, forse aiuterebbe»
© RIPRODUZIONE RISERVATA