Vendetta a colpi di manganello, 18enne in prognosi riservata

Sabato 27 Giugno 2020
Dopo la lite si è vendicato a colpi di manganello. Ha colpito il giovane rivale alla testa e poi si è dato alla fuga. Ora la vittima, che ha solo 18 anni, è in ospedale in prognosi riservata, mentre lui è stato arrestato ed è finito in carcere con l'accusa di tentato omicidio. Alle prime luci dell'alba, infatti, i carabinieri sono piombati a Carosino, cittadina ad un pugno di chilometri da Taranto, dopo la segnalazione di una violenta lite tra giovani. Sul posto i militari hanno trovato due giovani intenti a soccorrere un loro amico, che poco prima era stato aggredito da un coetaneo. Le indagini hanno consentito di appurare che l’autore dell’aggressione, un ventenne originario di Monteparano, si era recato a Carosino alla ricerca del malcapitato, con l’intento di farsi giustizia per vecchi dissapori. Per questo lo aveva raggiunto e lo aveva colpito a bruciapelo con uno sfollagente di legno all’altezza della tempia destra. Il malcapitato è stato soccorso e condotto in ospedale. E' in prognosi riservata. Il 20enne, invece, è stato arrestato e condotto in carcere.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA