Turisti bergamaschi aggrediti da un pitbull in spiaggia: ferito l'uomo e il suo cagnolino. La coppia insultata dal padrone del molosso

Turisti bergamaschi aggrediti da un pitbull in spiaggia: ferito l'uomo e il suo cagnolino. La coppia insultata dal padrone del molosso
di Lucia J. IAIA
3 Minuti di Lettura
Sabato 26 Febbraio 2022, 18:42 - Ultimo aggiornamento: 18:48

Brutta avventura per due turisti bergamaschi in vacanza a lido Silvana, a marina di Pulsano in provincia di Taranto. Giovedì mattina, Anna e Antonino Musicò stavano passeggiando in spiaggia quando, all’improvviso, un pitbull di grossa taglia ha aggredito uno dei loro due cani. Ad avere la peggio Aki, un maltese di 7 mesi che, nella giornata di ieri, è stato operato nella clinica veterinaria “Azzurra” di Taranto. Ferito al labbro e alla mano anche il padrone nel tentativo di difendere il cucciolo.  Non basta. La coppia dopo l'aggressione sarebbe stata insultata dal padrone del molosso. La disavventura raccontata dai due turisti a Quotidiano.

La testimonianza della donna

«Stiamo andando a vedere quali sono le sue condizioni – ci ha raccontato ieri la donna – e siamo molto preoccupati perché quello che è accaduto a noi, seppur nella sua gravità, sarebbe stata una tragedia nel caso in cui fosse capitato ad un bambini». Il loro cucciolo ha riportato gravi danni ad una zampa, oltre che in altre parti del corpo. Anche Antonino Musicò, nel tentativo di allentare la presa per salvare il cagnolino dalle zanne del pitbull, è stato ferito al labbro e ad una mano. Medicato dal personale del 118 che, intanto, era stato allertato da un passante, Musicò se l’è cavata con una prognosi di 3 giorni.

Dopo l'aggressione gli insulti da parte del padrone del molosso

Il pitbull di colore marrone, secondo il racconto della donna, aveva un collare. «Sì – ricorda ancora sconvolta Anna Sibilla – dopo l’aggressione al nostro cane, sono comparsi due uomini ed immagino che uno fosse il proprietario del pitbull. Noi gli abbiamo chiesto le generalità perché si assumesse la responsabilità di quanto era accaduto ma, di tutta risposta, siamo stati mandati a quel paese». Grande lo shock descritto dai due turisti che, loro malgrado, si sono trovati a gestire una situazione diventata in pochi secondi incandescente. «Mio marito si è ferito mentre cercava di allontanare il nostro Aki ormai addentato dal pitbull, mentre io ho preso in braccio l’altro nostro cane, Thoki di 9 anni per evitare che venisse attaccato anche lui. Non è possibile che accadano cose di questo genere. E se ci fosse stato un bambino che magari giocava a palla in spiaggia? Quel pitbull non aveva la museruola e andava in giro liberamente senza guinzaglio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA