Truffa su fondi Ue, sequestro da due milioni

Truffa su fondi Ue, sequestro da due milioni
I militari della Guardia di Finanza di Taranto hanno notificato un sequestro conservativo di beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie per un totale di 2 milioni e 611mila euro nei confronti di una società di Massafra che fabbrica macchine per la metallurgia, e del suo rappresentante legale. Il sequestro è stato emesso dalla Corte dei Conti di Bari e rappresenta l'epilogo di una complessa indagine delle Fiamme Gialle. Secondo quanto ricostruito, il responsabile della società è accusato di aver attinto ai finanziamenti pubblici del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR 2007/2013) - Programma «Competitività dei settori produttivi, occupazione e ricerca» - attraverso più azioni illecite, simulando assunzioni annuali di lavoratori, grazie anche a imprese satelliti della stessa società. Il rappresentante legale è stato denunciato per falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Il valore dei beni in sequestro conservativo, peraltro già sottoposti a sequestro preventivo, corrisponde ai fondi pubblici illecitamente percepiti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Venerdì 14 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento: 15-06-2019 08:32