Taranto, super green pass al via: controlli a tappeto

Domenica 5 Dicembre 2021 di Lucia J. IAIA

Sull'onda lunga del black friday, decolla lo shopping natalizio ma con le novità del super green pass ed il giro di vite sui controlli anche a Taranto. Da domani e fino al 15 gennaio, su tutto il territorio nazionale alle prese con la quarta ondata del Covid 19, entreranno in vigore una serie di restrizioni e di obblighi che, in gran parte, riguarderanno i non vaccinati, segnando di fatto un divario tra chi ha accettato di sottoporsi al vaccino e chi invece, si è rifiutato. Teatri, cinema, palestre, bar, ristoranti e tutti i luoghi pubblici al chiuso saranno accessibili esclusivamente a chi sarà dotato di green pass rafforzato valido 9 mesi. Una certificazione che potranno ottenere solo i vaccinati e i guariti da Covid 19. Per lavorare e per prendere i mezzi pubblici sarà invece obbligatorio disporre del pass base che si ottiene con tampone negativo. Lo stesso avrà una validità inferiore rispetto a quella attuale. Il molecolare sarà valido 72 ore, mentre l'antigienico 48.

Il confronto tra prefetto, commissario e forze dell'ordine

Per usufruire delle mense aziendali, sarà necessario il pass rafforzato, mentre non sono previsti controlli per un semplice caffè al bancone di un bar. La novità significativa riguarda, senza dubbio, i trasporti. È chiaro che non sarà semplice verificare il pass di ogni passeggero, soprattutto sui bus urbani. Un dato questo, emerso già durante la riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica a cui hanno partecipato il referente della Provincia, il sub commissario prefettizio del Comune di Taranto, il questore, il comandante provinciale dei Carabinieri e della Guardia di finanza ed in video collegamento, i referenti di Confcommercio, Confesercenti e delle aziende locali di trasporto pubblico.

Durante l'incontro, è stato definito il piano per l'effettuazione dei controlli che, come ha annunciato il prefetto Demetrio Martino, saranno intensificati sia nel capoluogo che in provincia. Restano le zone a colori ed attualmente, permane la bianca. Ma su chi avrà il super green pass non peseranno restrizioni nemmeno in fascia gialla e arancione. In zona rossa, invece, sì. A chi spetterà il controllo? Se ne occuperanno le forze di polizia e i vigili urbani. Resta naturalmente, il limite dettato dall'effettiva consistenza numerica degli operatori in campo rispetto alle esigenze.

Non sarà possibile effettuare controlli a tappeto ma soltanto a campione, come fa sapere la prefettura, «ravvicinati nel tempo e con particolare riguardo verso i servizi con maggiore flusso di persone, come gli esercizi commerciali, i ristoranti, i mezzi di trasporto e i locali. Verifichesugli autobus e soprattutto, all'uscita in corrispondenza con le fermate». In vista delle feste, i no vax dovranno organizzarsi in casa perché non potranno mangiare al ristorante, tranne che negli spazi aperti. In tal senso, le associazioni di categoria durante il tavolo in prefettura, si sono impegnate a garantire una capillare campagna d'informazione e di sensibilizzazione degli esercenti sulla necessità di rispettare le regole anticovid e sulle possibili sanzioni. Il piano tarantino stilato nei giorni scorsi, verrà comunque monitorato costantemente dal tavolo di coordinamento delle forze di polizia che potranno apportare modifiche o sistemare il tiro, nel caso in cui dovessero sorgere delle criticità.

Naturalmente, da via Anfiteatro si auspica soprattutto, la collaborazione dei cittadini per evitare la diffusione del contagio e tutelare la salute di tutti. Infine, per quanto riguarda l'uso delle mascherine, restano obbligatorie soltanto al chiuso in zona bianca, mentre se si dovesse passare in gialla, arancione e rossa bisognerà indossarle anche all'aperto. Si spera che le misure più stringenti ed una reale attività di controllo salvino il Natale, anche sul fronte dell'economia locale che non potrebbe reggere ulteriori battute d'arresto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA