Filmato mentre abbandona in strada un mobile, è costretto a riportarselo indietro

Domenica 25 Aprile 2021

Ha abbandonato vicino ai carrellati della raccolta differenziata un vecchio mobile. La sua manovra, però, è stata filmata dalla telecamera di una fototrappola piazzata nella zona. Sul posto, quindi, sono piombati i vigili urbani di Taranto, gli uomini di Kyma ambiente e lo stesso presidente della società partecipata del Comune che si occupa di nettezza urbana, l'avvocato Giampiero Mancarelli. Così per il responsabile del gesto è scattata una multa da 500 euro, oltre all'obbligo di riportarsi a casa quel vecchio mobile.

Video

 

La fototrappola

 

E' stata la telecamera di una delle tante fototrappole piazzate in città ad incastrare l'autore dell'ennesimo abbandono di rifiuti ingombranti nelle strade della città. Nelle immagini diffuse dalla stessa Kyma Ambiente, infatti, si vede un uomo che trascina un vecchio mobile in strada e lo abbandona nelle vicinanze dei cassonetti. Dopo l'allarme, però, nella zona sono arrivati i vigili urbani e lo stesso presidente della società Giampiero Mancarelli.

 

L'intervento

 

Nel giro di pochi minuti l'autore del gesto è stato individuato ed è cominciato un vero e proprio siparietto con il presidente Mancarelli. Quest'ultimo ha consegnato al figlio del responsabile dell'infrazione un foglio con sopra stampato il numero verde a cui rivolgersi per il ritiro a domicilio dei rifiuti ingombranti. Un servizio che la società jonica svolge gratuitamente. Lo stesso ragazzo ha ammesso la responsabilità di quanto accaduto e dopo aver rimediato la multa da 500 euro si è riportato a casa il vecchio mobile per procedere al conferimento secondo le regole 
«Tarantini fatevi del bene - ha commentato il presidente Mancarelli -, quando avete degli ingombranti di cui disfarvi non lasciateli per strada. Non deturpate il decoro della città. Chiamare il numero verde 800013739 per il ritiro programmato e gratuito degli ingombranti direttamente a domicilio conviene. Stiamo posizionando sempre più videotrappole su tutto il territorio. Il rischio è che insieme alla multa siate anche costretti a riportarvi tutto a casa come è accaduto a questo signore».

Ultimo aggiornamento: 26 Aprile, 08:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA