Retata antidroga, otto arresti della Polizia

Retata antidroga, otto arresti della Polizia
3 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Giugno 2022, 13:09 - Ultimo aggiornamento: 19:27

Otto arresti per sgominare una presunta rete di spaccio di cocaina nel rione Tamburi di Taranto. E' scattata nel cuore della notte la retata messa a segno dagli agenti della squadra Mobile della Polizia di Taranto, guidata dal dirigente Fulvio Manco. I poliziotti hanno eseguito l'ordinanza di custodia cautelare disposta dal gip Francesco Maccagnano su richiesta del pubblico ministero Marzia Castiglia. Sei le persone finite in carcere, altre due ai domiciliari. Complessivamente nell'inchiesta sono indagati nove tarantini.

L'operazione

L'operazione ha preso il via in piena notte e ha puntato a colpire un presunto gruppo che avrebbe gestito lo spaccio di cocaina prevalentemente nella zona delle case parcheggio del rione Tamburi. I poliziotti, anche grazie al ricorso alle intercettazioni telefoniche, hanno ricostruito le accuse di concorso in detenzione e spaccio di ingenti quantitativi di droga, in capo ai nove indagati. Per otto è scattata la misura cautelare. 

L'inchiesta

L'indagine che è sfociata negli arresti di questa notte è collegata a quella condotta dalla squadra Mobile della Polizia sull'omicidio di Graziano Rotondo. Il giovane venne assassinato nel dicembre di due anni fa in un sotterraneo delle case parcheggio, utilizzato dalla gang dello spaccio per nascondere la cocaina destinata al fiorente mercato dello spaccio. La vittima avrebbe cercato di impossessarsi di un quantitativo di droga, ma venne uccisa dopo essere stata scoperta. Per il suo omicidio sono sotto processo in Assise i cognati tarantini Vincenzo Balzo e Carmelo Nigro. Secondo l'accusa, Nigro avrebbe gestito l'attività di spaccio con la collaborazione della madre, dello zio (finiti in carcere), del fratello e della compagna (ai domiciliari). In cella anche i presunti fornitori della droga.

© RIPRODUZIONE RISERVATA