Medico pestato nel parcheggio dell'ospedale: l'aggressore si costituisce e confessa

Medico pestato nel parcheggio dell'ospedale: l'aggressore si costituisce e confessa
2 Minuti di Lettura
Giovedì 7 Luglio 2022, 19:44 - Ultimo aggiornamento: 19:45

Si è costituto in Questura e ha ammesso le proprie responsabilità l'uomo che martedì pomeriggio, spalleggiato da un complice, ha aggredito brutalmente un medico   nel parcheggio interno dell'ospedale Moscati di Taranto. Per il momento l'indagato, 38 anni, è stato denunciato a piede libero per lesioni gravi.

Le indagini poi la decisione di costuirsi in Questura

La Squadra Mobile lo aveva già individuato grazie ai filmati delle telecamere di videosorveglianza dell'ospedale, ma l'uomo si era reso irreperibile. Accompagnato dai suoi avvocati, Egidio Albanese e Salvatore Maggio, oggi si è presentato in Questura. A quanto si è appreso, ha fatto intendere che il movente dell'aggressione fosse legato a questioni personali. Gli aggressori dopo la spedizione punitiva erano fuggiti con un'auto forzando la sbarra di uscita dell'ospedale. Il medico, colpito ripetutamente con oggetti contundenti, ha riportato lesioni al volto, ferite lacero-contuse al cuoio capelluto e nella zona della fronte che hanno richiesto diversi punti di sutura e la frattura scomposta delle ossa nasali, per la quale è stato sottoposto a intervento chirurgico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA